Busto Garolfo, rumore e traffico lungo la SP 12: il Comune interviene

    59

     

     

    BUSTO GAROLFO – Traffico intenso e rumore elevato. Per un centinaio di residenti della zona della provinciale 12 che in quel tratto si chiama via Europa ed è compresa tra le vie per Olcella e Novellino sono diventate due maledizioni.  La giunta del sindaco Susanna Biondi si è presa a cuore il problema sulla scorta di quanto consentito da una direttiva della commissione europea per i tratti di particolare frequenza veicolare. E, per farlo, ha seguito tre direttrici precise: individuazione di un’arteria ad alta congestione di traffico, mappatura della situazione ed elaborazione di soluzioni per poter quantomeno attenuare il problema se non risolverlo completamente. Gli interventi non sono previsti nell’immediato ma su di essi la giunta ha già ordinato a dovere le idee. “I dati che emergono dal monitoraggio – apre il discorso l’assessore alla partita Patrizia  Campetti – hanno evidenziato lievi superamenti dei limiti della rumorosità per una piccola percentuale della popolazione; nel nostro piano d’azione abbiamo previsto interventi che andremo a realizzare più avanti con lo scopo di ridurre l’impatto delle emissioni sonore e inquinanti”.  E subito dopo li indica nel dettaglio: “vorremmo completare la piantumazione nel tratto interessato – spiega – in più stiamo valutando di installare un altro rilevatore di velocità che funga da deterrente, e per quanto riguarda l’asfalto, quando si dovesse deteriorare e fosse quindi necessario ristrutturarlo, provvederemo a intervenire con la posa di bitume fonoassorbente“.
    Si sta valutando inoltre da parte della giunta un diverso sistema di canalizzazione viario per i veicoli che devono dirigersi verso Dairago e Busto Arsizio. “Ma in questo caso – precisa l’assessore della giunta Biondi –  dobbiamo valutare con attenzione perché ci sono due ordini di problemi, il primo concerne il fatto che l’intervento ha carattere sovracomunale e non possiamo quindi deciderlo noi soltanto, il secondo è relativo al traffico delle strade interne che finirebbe per avere un impatto maggiore”. E vi è chi non manca di fare osservare che il discorso complessivo della riqualificazione di quel tratto dovrà tenere conto anche del recente arrivo del nuovo punto vendita di grande distribuzione Coop. A chiedere lumi al riguardo sono a esempio i consiglieri comunali di opposizione Sabrina Lunardi e Luigi Cardani. La prima osserva che “questo documento risale a un’indagine condotta circa tre anni fa ed è stato portato all’attenzione del consiglio soltanto ora, poi non tiene conto dell’arrivo della Coop”.  Per Cardani, invece, “sarebbe stato opportuno, prima dell’insediamento del centro di grande distribuzione, parlare con esso per mettere mano al problema e gestire meglio il discorso del traffico”.  Il progetto della giunta poggia su coordinate chiare.  Occorrerà adesso vedere quali ne saranno modi e  tempi di attuazione.
    Cristiano Comelli
    Articolo precedenteAbbiategrasso, in arrivo una nuova casa funeraria
    Articolo successivoTest Diasorin Lombardia-San Matteo: il Consiglio di Stato sospende sentenza del TAR