Busto Garolfo: coi fondi PNRR, il Comune punta su scuole e banda larga

99

 

BUSTO GAROLFO – Scuole e banda larga. L’amministrazione comunale di Busto Garolfo ha individuato due direttrici precise lungo cui far convogliare i contributi concessi ai comuni da parte del Governo nell’ambito del cosiddetto PNRR.

Ed è il sindaco Susanna Biondi a fare il punto con i cittadini attraverso una nota del modo in cui siano stati destinati questi preziosi fondi messi a disposizione delle municipalità per dichiarare guerra all’emergenza Covid-19. “Durante il periodo della chiusura delle vacanze natalizie-  scrive – abbiamo provveduto al rifacimento di una parte del tetto della scuola primaria Tarra dove, in occasione di forti eventi piovosi,  si erano verificati problemi di infiltrazioni dalla copertura, la spesa sostenuta è di circa 7 mila Euro”. Lavori di potenziamento sono stati effettuati anche alla Ferrazzi- Cova di Olcella. Osservate speciali, in questo caso, sono state la mensa scolastica con l’installazione di un nuovo impianto di aerazione che, prosegue il sindaco bustese, “migliorerà ulteriormente le condizioni di salubrità dell’ambiente di refezione”. A quest’intervento si sono aggiunti alcuni lavori di tinteggiatura per una spesa totale di 20 mila Euro.  Ma scuola, per l’amministrazione bustese, significa anche banda larga, ovvero potenziamento della capacità di comunicazione e trasmissione dei dati. “Questi interventi – spiega ancora Biondi – grazie alla convenzione sottoscritta tra il nostro comune e la Città metropolitana di Milano, consentiranno a tutti i plessi scolastici di avere un collegamento  internet altamente performante”. Il primo step in questo senso è stato compiuto alla scuola Mentasti. Interventi che, da un lato, rafforzano strutturalmente i plessi consentendo un valore aggiunto in termini di sicurezza e dall’altro li pongono sempre più al passo con le sfide dei tempi.

Cristiano Comelli

Articolo precedenteCanegrate: in 1500 per la Roccolo Run, un successo
Articolo successivoCasorezzo, la prossima maratona di lettura sarà il 20 marzo