CronacaNews

Bufera su Lonate Pozzolo, arrestato il sindaco. Indaga la Procura di Busto Arsizio

LONATE  POZZOLO – E’ una piccola bufera quella che si è abbattuta stamani su Lonate Pozzolo, piccolo Comune vicino a Malpensa.
Secondo l’ordinanza di custodia cautelare – emessa dal gip del Tribunale di Busto Arsizio – il sindaco, 56 anni, eletto nel 2014 con Forza Italia, con delega all’Urbanistica e all’Ambiente, avrebbe favorito il fratello architetto, titolare di uno studio di progettazione, e gli altri imprenditori indagati. Le accuse a vario titolo sono tentata concussione, abuso d’ufficio e corruzione.

Le indagini, dicono i carabinieri, hanno accertato che Rivolta “abusando della sua funzione di primo cittadino, favoriva l’attività del fratello, titolare di un noto studio di progettazione immobiliare, e di altri imprenditori locali”. Oltre agli arresti, gli investigatori hanno perquisito le case degli indagati, i Comuni di Busto Arsizio e di Gallarate e gli uffici di società di consulenze e progettazione a Pavia, Lonate Pozzolo e Gallarate.

A dare il la alle indagini, nel febbraio del 2016, è stata una dirigente della polizia locale che denunciò continue pressioni da parte del sindaco perché non reprimesse abusi edilizi, sotto la minaccia che le sarebbe stato tolto il comando.

Sempre secondo la ricostruzione degli inquirenti, sarebbero state pagate cifre di denaro per agevolare alcune pratiche urbanistiche.

Redazione

Redazione Ticino Notizie

Related Articles

Back to top button

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi