Boffalora Ticino: oltre cento runner al Boffacross, il cross selvaggio senza un metro di pianura (VIDEO)

111

BOFFALORA SOPRA TICINO Dopo tanta pioggia torna il sereno per la quinta edizione del Boffacross. Corsa al cento per cento su terreno sterrato, per un totale di circa sei chilometri, senza un metro di pianura. Oltre cento partecipanti per una corsa che ha visto partenza e arrivo al centro sportivo Umberto re di via Giulini a Boffalora sopra Ticino. Un giro di lancio e due giri con saliscendi impegnativi, ma molto divertenti e ben tracciati dai volontari che si sono impegnati per renderlo percorribile negli ultimi giorni di tempo inclemente. Un tratto, in particolare, era in ripida ascesa con gli atleti costretti a percorrerlo a passo d’uomo.

“Siamo soddisfatti di come è andata – ha detto Andrea Maltagliati, organizzatore – un buon numero di partecipanti per un cross prenatalizio rappresentano, per noi organizzatori, un ottimo risultato”. L’organizzazione è stata gestita dal centro Boffalorello e dall’Amatori Atletica Casorate, con diverse persone che spontaneamente hanno ripulito il tracciato segnalando i punti critici. La vittoria è andata all’abbiatense Fabio De Angeli che torna alla vittoria in vista della stagione dei cross sulla quale punta molto. De Angeli sarà, con buona probabilità, al via del cross di Bedisco di Oleggio il prossimo 26 dicembre, giorno di Santo Stefano. “Se quell’appuntamento dovesse saltare – commenta – mi presenterò direttamente al cross del Campaccio a San Giorgio su Legnano il 6 gennaio, nella gara dei professionisti. Un appuntamento che non voglio assolutamente mancare. E’ giusto che chi corre a livello agonistico come il sottoscritto se la veda con i grandi dell’atletica”.

Molte le donne preparate al Boffacross di sabato. Ad avere la meglio è stata la polacca Joanna Drelicharz. “Una gara molto dura – ha commentato – un bell’allenamento in vista delle prossime corse”.

 

Articolo precedenteDa Regione Lombardia 2.4 milioni per le sale cinematografiche
Articolo successivoOssona, la vita di Badou appesa a un filo. L’appello del legale: “Il responsabile si costituisca”