Boffalora sopra Ticino: salvarono una donna, a San Sebastiano riconoscimento per due agenti della Polizia locale

119

BOFFALORA SOPRA TICINO Ci sono anche Andrea Ramazzotti e Antonio Damiano tra gli agenti e ufficiali della Polizia locale che, il prossimo San Sebastiano, riceveranno la Croce e il Nastrino per meriti speciali riguardanti interventi effettuati nel 2018. Era il 14 aprile di quell’anno e un uomo, passando dal viale dei Certosini, tra il Naviglio Grande e il palazzo municipale, vede una donna cavalcioni sul parapetto. Era disturbata mentalmente e manifestava l’intenzione di buttarsi in acqua. L’uomo corre verso l’ufficio della Poliziamlocale che si trova a pochi metri. Entra e urla a squarciagola dicendo che c’era una donna che si stava per buttare nel Naviglio. I due ragazzi, Andrea e Antonio, escono di corsa dall’ufficio e riescono a bloccarla evitando il peggio. Non è stato semplice perché quando la donna ha visto gli agenti ha cercato di spingersi nel canale, dandosi un colpo di reni. Mentre uno la afferrava, l’altrosi sporgeva a cavalcio dei muretto, rischiando di cadere nel canale. Tutto è finito bene e la agazza è stata messa in salvo.

Ora arriva questo riconoscimento che verrà consegnato materialmente in occasione del santo Patrono del prossimo 20 gennaio e voluta dal Presidente della regione Lombardia. Saranno presenti lo stesso Presidente Fontana e l’assessore regionale Riccardo De Corato. Gli agenti intervenuti quel giorno conoscono molto bene la donna salvata. Circa 40 anni di nazionalità ucraina. Lavorava come badante e poi come collaboratrice domestica. Una persona che si era fatta voler bene da molte famiglie della zona presso le quali aveva prestato servizio. Poi l’alcol ha rovinato tutto e sono cominciati i problemi. Più volte la donna era dovuta intervenire in locali o per strada per bloccare i tentativi di aggressioni perpetrati dalla giovane nei confronti di altre persone. Nel mese di agosto il caso più grave con l’aggressione ad una coppia di anziani che avrebbe dovuto accudire. Loro si fidavano di lei perché non era mai accaduto nulal di particolare.

E’ bastato un momento fuori casa, l’alcol ed è cambiato tutto. Da persona amorevole si era trasformata in un orco. Anche in quell’occasioen la Polizia locale di Boffalora sopra Ticino dimostrò grandi capacità riuscendo a sbloccare la situazione. Fu il responsabile Ilario Grassi ad entrare nell’abitazione e a fermare la donna per poi farla accompagnare al pronto soccorso.

Articolo precedenteMagenta, Sonia Zuin presenta il suo libro ‘Percorsi silenziosi’: “Come ho maturato la decisione di diventare donna”
Articolo successivoParabiago, donna romena aggredita in campo nomadi. De Corato: ‘Vanno subito sgomberati’