Boffalora sopra Ticino: nonostante il caldo asfissiante in centinaia alla decima ‘Bufalora volt e bas’

93

BOFFALORA SOPRA TICINO – Il caldo asfissiante non ha fermato gli appassionati che si sono dati appuntamento per la classica di fine luglio a Boffalora sopra Ticino. Giunta alla decima edizione la ‘Bufalora volt e bas’ è andata in scena nella bellissima Boffalora sopra Ticino, piccolo paese caratterizzato da saliscendi con relativo attraversamento del ponte sul Naviglio Grande che rendono la corsa difficoltosa, particolarmente dura e bellissima allo stesso tempo. Se a questo si aggiungono i 34 gradi che hanno accompagnati i partecipanti pertutti i sei chilometri della manifestazione si è detto tutto.

Partenza in piazza Matteotti, davanti alla chiesa parrocchiale e corsa facile per i primi metri. Poi sono cominciate la discese a picco e le relative salite, gli attraversamenti dei vecchi casolari tipici di una volta con i proprietari pronti a distribuire annaffiate di acqua ben gradite ai runner, specialmente a coloro che ci hanno dato dentro cercando di mantenere un buon ritmo. L’ultimo chilometro è stato il più duro, a detta di tutti. Salita interminabile su sterrato per sbucare nei pressi della storica Villa Giulini, ripida discesa e risalita immediata con attraversamento del ponte e salita finale che ha messo in ginocchio anche gli atleti più navigati. Fino all’arrivo all’oratorio.

A vincere tra gli uomini è stato Enea Cassani che ha corso ad un ritmo di circa tre minuti e trenta al chilometro. Tra le donne ancora una volta ha primeggiato l’atleta di casa, la forte maratoneta Claudia Gelsomino. Prima società, per numero di partecipanti, gli abitudinari del Tapascione Running Team di Robecco sul Naviglio, spesso e volentieri sul gradino più alto del podio. Alla fine melone per tutti, gradito ristoro a base di anguria e numerosi salami estratti a sorte per i più fortunati. Enorme soddisfazione per l’ennesimo successo alla ‘Bufalora volt e bas’ per l’organizzatore, il runner Andrea Maltagliati che ancora una volta ha saputo organizzare una bella manifestazione adatta a tutti. A chi voleva dare il meglio e a chi si è goduto il panorama boffalorese, nella natura del Parco del Ticino, con una passeggiata tra i sentieri. (Foto Max Villani)

 

Articolo precedenteMagenta: ladro di biciclette ai domiciliari, pochi giorni fa era stato arrestato dalla Polizia locale
Articolo successivoBareggio: piano illuminazione. Assegnato l’incarico di revisione del bando