Boffalora sopra Ticino: lavori pubblici e interventi sulla rete fognaria. Come cambia la viabilità

    72

    BOFFALORA SOPRA TICINO – Un problema imprevisto alla rete fognaria nel centro storico cittadino ha reso necessario nei giorni scorsi un temporaneo cambiamento della viabilità cittadina. Un guasto al condotto fognario nell’area tra le Vie Garibaldi, Trezzi e Repubblica, uno dei primi tratti realizzati in paese, ha provocato il cedimento della sede stradale, senza provocare ulteriori danni a cose e persone.

     

    I tecnici della società che gestisce l’infrastruttura, tempestivamente intervenuti, hanno permesso di mettere in totale sicurezza in brevissimo tempo l’area interessata. L’analisi del condotto a cura dei tecnici incaricati e i lavori di ripristino, iniziati subito dopo, hanno reso necessaria una temporanea modifica della viabilità nel seguente modo:
    – istituzione del doppio senso di marcia in via Cavour;
    – chiusura di via Garibaldi nel tratto compreso tra la Farmacia e le vie Repubblica e Trezzi. Ai residenti nelle vie interessate è stato comunque garantito l’accesso alle proprie abitazioni. La viabilità sarà ripristinata nel minor tempo possibile, e comunque entro pochi giorni, a garanzia del completamento dei lavori necessari per il ripristino del tratto fognario.
    Sono nel frattempo iniziati gli interventi di manutenzione già programmati relativamente al ripristino di alcuni chiusini e caditoie fognarie ammalorate nelle vie San Defendente, XXV Aprile, Manzoni e Toscanini. Anche in questo caso i lavori saranno ultimati in pochi giorni. Subito dopo la festa patronale prevista per l’ultima settimana di luglio, partiranno infine ulteriori previsti nel piano delle asfaltature che interesseranno, oltre al centro storiche,
    anche altre arterie cittadine tra cui le vie Pontenuovo e Mac Mahon.

    (*nelle foto il sindaco Fulvio Colombo e i lavori lungo via San Defendente)

    Articolo precedenteLegnano: eletta la nuova reggenza della Contrada di Sant’Erasmo
    Articolo successivoVaccini, al 30 giugno scorso copertura del 95% in Lombardia