Biotestamento e disposizioni per il fine vita: se ne parla domani a Magenta

    51

    MAGENTA – “Una serata per parlare di un testo di legge che ha fatto la storia, che ha posto avanti a tutto dignità, autodeterminazione e salute di ciascuna cittadina o cittadino”.  Così i ‘Dem’ magentini, l’Associazione Luca Coscioni e i radicali di Emma Bonino, presentano l’iniziativa in programma domani sera alle 21 presso l’ex Sala Consiliare di piazza Formenti (Sala Galli).
    “Sarà una serata insieme ad una grande donna che da sempre è stata in prima fila in questa battaglia: Mina Welby, che ci onorerà della sua presenza per fare chiarezza e condividere l’importanza della dichiarazione anticipata di trattamento” così Marzia Bastianello Consigliere comunale del PD e tra i promotori dell’evento. Tempo fa proprio i ‘Dem’ magentini hanno avanzato in Consiglio comunale la richiesta, attraverso una mozione che anche presso il Comune di Magenta, sia attivo il registro per la dichiarazione anticipata di trattamento.  Quello in oggetto è certamente un tema complesso, non privo di divisioni, anche all’interno dello stesso mondo cattolico. Una serata per riflettere, dunque, e confrontarsi.

    (sotto Mina Welby in una foto d’archivio accanto al marito Piergiorgio, Marco Panella, Emma Bonino e Daniele Capezzone. Più in basso Marzia Bastianello consigliere comunale del PD, attenta da sempre alle battaglie per i diritti civili)

     

    Articolo precedente“BastaunAttimo”: ad Abbiategrasso la campagna contro le stragi del sabato sera
    Articolo successivoBià Asili nido comunali: il primo aprile scattano le iscrizioni