Bià convoca gli ‘Stati Generali’ del Commercio e Magenta che fa?

    17

    Programmato un incontro presso la sala ex consiliare di piazza Marconi lunedì 16 aprile alle 21

    ABBIATEGRASSO – Passo in avanti importante per Abbiategrasso sul piano della concertazione e del dialogo costante tra Amministrazione e l’Unione del Commercio territoriale. A conferma del rapporto positivo e della dinamicità che sta caratterizzando il nuovo corso  avviato da Cesare Nai – anche sulla scorta dell’entusiasmo contagioso legato all’arrivo del Giro d’Italia – lunedì 16 aprile presso l’ex Sala Consiliare di piazza Marconi, sono stati convocati per le 21 gli ‘Stati Generali’ del commercio di Abbiategrasso.

    “La nostra città è da sempre caratterizzata da una fortissima vocazione commerciale; risulta pertanto determinante, in un momento storico particolarmente difficile dal punto di vista dello sviluppo economico, costruire strategie per il rilancio del commercio, fare sistema con tutti i soggetti protagonisti della vita cittadina e sostenere gli operatori del comparto commerciale”. E’ quanto si legge nell’invito scritto a quattro mani – a suggellare l’importante sodalizio tra Comune e Associazione di categoria – dall’Assessore Francesco Bottene e dal Presidente di Confcommercio Abbiategrasso Tiziana Losa

    Con l’intento di sviluppare un confronto per creare strategie relative alla valorizzazione e promozione del comparto e per approfondire le problematiche relative al commercio del nostro territorio, è convocato un incontro presso la sala ex consiliare di piazza Marconi lunedì 16 aprile alle ore 21″.

    Che dire? Davvero una  bella iniziativa che sarebbe bello veder replicata anche in quel di Magenta. All’epoca dell’Amministrazione di Luca Del Gobbo, il format degli Stati Generali venne spesso adoperato e con successo. Ci permettiamo di suggerirlo anche a Chiara Calati e  alla sua Giunta.Sarebbe un modo per dare un segnale forte di risveglio. Ovviamente, per fare le cose (possibilmente bene) bisogna essere in due. Perciò accanto all’Amministrazione serve anche una Confcommercio forte e autorevole davvero rappresentante di tutte le anime del commercio magentino (cosa quest’ultima obiettivamente non così semplice…).

    F.V.

     

     

     

     

     

     

     

     

    Ci auspichiamo una presenza importante degli operatori per uno scambio costruttivo.

     

     

    Articolo precedenteCittà Metropolitana: M5 da prolungare fino a Magenta? Parliamone
    Articolo successivoParabiago: al via la seconda edizione di “Vaitrapapà”