Bertolaso: da Regione Lombardia nuova rete per la cura dell’ictus

325

MILANO   Velocizzare la presa in carico del paziente con ictus, riducendo i tempi al minimo com’è fondamentale nella cura di una malattia tempo-dipendente come lo stroke.

E’ l’obiettivo di una delibera approvata dalla Giunta regionale della Lombardia su proposta dell’assessore al Welfare, Guido Bertolaso, che riorganizza le modalità di trattamento – informa la Regione – allineandole alle linee guida internazionali e pianificando la dotazione e l’integrazione di tecnologie adeguate (Tac perfusionali gestite con software dedicati) che consentono di ampliare la finestra terapeutica dei pazienti fino a 24 ore dal momento dell’insorgenza della patologia acuta. Le 25 strutture di primo livello accreditate per la cura delle patologie cerebrovascolari – spiega una nota regionale – si dovranno dotare della strumentazione individuata lavorando in rete e condividendo immagini radiologiche rielaborate dagli specifici software, e potranno confrontarsi con i 16 centri di secondo livello a cui faranno riferimento. Le implementazioni messe in atto migliorano in modo significativo la possibilità di cura dei cittadini, anche tramite il rapido trasferimento dei pazienti nelle strutture dedicate agli specifici trattamenti endovascolari di trombectomia. Il nuovo sistema organizzativo permette sia di incrementare l’efficienza nell’utilizzo dei posti letti delle neurologie distribuite su tutto il territorio regionale, sia di ottimizzare la gestione del personale medico ed infermieristico, in un periodo di particolare difficoltà nel reperimento delle risorse professionali necessarie. Il nuovo documento prevede inoltre di inserire all’interno della rete neurologica anche i pronto soccorso non dotati di neurologia, che avranno come riferimento una struttura di secondo livello pronta a fornire il corretto supporto clinico e ad accogliere, ancora una volta rapidamente, il paziente per le cure del caso. “Il nuovo documento – dichiara Bertolaso – prevede inoltre di inserire all’interno della Rete stroke anche i pronto soccorso non dotati di neurologia, che avranno come riferimento una struttura di secondo livello pronta a fornire il corretto supporto clinico e ad accogliere, ancora una volta rapidamente, il paziente per le cure del caso”.

Articolo precedenteSicurezza, impianti di video sorveglianza. Invernizzi (FI): in arrivo fondi per diversi comuni del Pavese
Articolo successivoCorbetta: lite uomo donna degenera nella frazione di Cerello, lei finisce al pronto soccorso