NewsPubbliredazionalesaluteSanta Crescenzia

Bellezza & Salute: proteggere la pelle dal sole, come farlo nel modo corretto

A cura del dottor Umberto Napoli, Chirurgo Plastico presso il Poliambulatorio Santa Crescenzia

Proteggere la pelle dal sole è un’esigenza concreta. Ed è una potente arma di difesa contro i tumori della pelle, oltre che contro più o meno importanti discromie cutanee (le cosiddette “macchie della pelle”).

Esistono due tipologie di radiazioni UV. I raggi UVA possono provocare un precoce invecchiamento della pelle e la comparsa delle rughe, e sono tra le cause del carcinoma a cellule basali, del carcinoma a cellule squamose e del melanoma. I raggi UVB, responsabili delle scottature, sono maggiormente connessi allo sviluppo di melanomi e tumori della pelle. Ecco dunque che, proteggersi, diventa un importantissimo gesto di prevenzione.
Come proteggere la pelle dal sole con la crema solare.

 

Per proteggere la pelle dal sole, il principale gesto da compiere è utilizzare la crema solare. Come? Ecco qualche consiglio:
● scegli una crema solare ad ampio spettro che protegga sia dai raggi UVA che dai raggi UVB. Per proteggerti per davvero dovrà essere resistente all’acqua e avere un fattore di protezione solare (SPF) uguale o superiore a 30. Creme di tipologia diversa possono aiutare a prevenire le scottature, ma non proteggono dal cancro della pelle
● usa uno stick per le labbra con SPF uguale o superiore a 30
● spalma la crema solare 15-30 minuti prima di uscire
● ripeti l’applicazione ogni due ore, ogni ora se nuoti spesso o sudi molto
● indossa la protezione solare durante l’intero anno, ogni qualvolta esci (non solo d’estate)
● non usare creme scadute
Non solo protezione solare: tutti gli altri consigli
Non basta applicare la crema nel modo corretto, per proteggere la pelle dal sole. Esistono diversi altri consigli che possono risultare funzionali:
● i raggi del sole sono più intensi tra le 10 e le 16. Metti in pratica la regola dell’ombra: se la tua ombra è più corta di te, spostarti dal sole diventa necessario
● tieni sempre i bambini di età inferiore ai 6 mesi completamente coperti e all’ombra
● presta attenzione all’indice UV, che indica quanto potrebbe essere dannosa l’esposizione al sole in un preciso giorno (in genere lo trovi sui siti del meteo): quando l’indice è uguale o superiore a 10, esporsi al sole è sconsigliato
● ricorda che le superfici riflettenti (acqua, neve e sabbia) aumentano il rischio di scottature
● indossa occhiali da sole e indumenti protettivi, quando passeggi o fai un’escursione: maglietta a maniche lunghe, pantaloni lunghi e un cappello che metta in ombra il viso, il collo e le orecchie. Gli indumenti scuri con tessuto a trama fitta bloccano maggiormente il sole rispetto ai tessuti bianchi o a trama larga. Per una protezione aggiuntiva, cerca indumenti realizzati con materiali speciali per la protezione solare. Assicurati che i tuoi occhiali da sole abbiano un assorbimento UV dal 99% al 100%
● se assumi dei farmaci, sappi che alcuni possono renderti più sensibile al sole (diversi tipi di antibiotici, antinfiammatori, antimicotici, farmaci per la pressione sanguigna e alcuni tipi di chemioterapia)
● evita di utilizzare lampade solari e lettini abbronzanti.

 

Iperpigmentazione, come evitarla

Quando la pelle produce più melanina (il pigmento che conferisce alla pelle il suo colore) si parla di iperpigmentazione. Un inestetismo diffuso, che provoca la comparsa di macchie scure sulla pelle (tipicamente sul viso, ma possono comparire anche sulle braccia e sulle gambe).

 

Le macchie possono essere di diverso tipo:

le macchie dell’età si caratterizzano per il colore marrone, compaiono comunemente sul viso, sulle mani o sulle aree del corpo esposte al sole, e colpiscono gli anziani o chi ha alle spalle una lunga storia di esposizioni al sole
il melasma si manifesta come una grossa macchia di pelle scura, compare in genere su viso, fronte e addome, ed è più frequente tra le donne, specialmente durante la gravidanza o durante l’assunzione della pillola anticoncezionale
l’iperpigmentazione post-infiammatoria compare dopo un’infiammazione (tipicamente acne o eczema), e si manifesta nella maggior parte dei casi sul collo e sul viso

Sebbene il sole non sia l’unica causa di iperpigmentazione è bene sapere che, per proteggere la pelle dall’esposizione prolungata, il corpo produce più melanina, il che può causare macchie scure (comunemente chiamate macchie dell’età o macchie solari). Ecco dunque che, per abbattere il rischio, utilizzare la crema solare nel modo corretto diventa fondamentale.

 

Qualora le macchie solari dovessero comparire, la soluzione più indicata è il laser Q-Switch. Che, grazie alla sua particolare lunghezza d’onda, viene assorbito solo dalle cellule contenenti il pigmento patologico. Andando a frammentare il pigmento, questo può essere progressivamente riassorbito così da far scomparire la macchia nel giro di 30 giorni. Un meccanismo d’azione che fa del laser Q-Switch l’opzione migliore per la risoluzione dell’inestetismo.

 

 

  • Contributo a cura del dottor Umberto Napoli, Chirurgo Plastico presso Il Poliambulatorio Santa Crescenzia di Magenta

Redazione

Redazione Ticino Notizie

Related Articles

Back to top button

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi