Bareggio: presentate le linee guida del bilancio di previsione

    151
    Nico Beltramello
    BAREGGIO –  “Nei prossimi tre anni investiremo nel miglioramento dei servizi, nel sociale e nel restyling del paese”. Nico Beltramello, assessore al Bilancio, illustra il previsionale 2020-2022, che a breve verrà presentato ai cittadini, associazioni di volontariato e alle associazioni di categoria delle attività Produttive e commercio. “Andiamo ad aumentare la capacità di spesa su diversi capitoli: borse di studio, iniziative culturali, manifestazioni sportive, assistenza minori e disabili, manutenzione beni comunali, manutenzione di alcuni plessi scolastici, politiche giovanili, personale (da gennaio due agenti di Polizia locale in più e altre assunzioni nei settori Patrimonio e Territorio), assistenza scolastica domiciliare, servizi educativi e asili nido – spiega Beltramello -. Inoltre, aumentiamo del 200% i fondi da concedere ai cittadini per lo smaltimento dell’amianto e istituiamo, per la prima volta, il capitolo per il Consiglio comunale dei ragazzi (5.000 euro)”.
    Per quanto riguarda i servizi, Beltramello ha annunciato che nel prossimo triennio sono in scadenza diversi appalti. Per alcuni si partirà da una base d’asta maggiore al fine di garantire un servizio migliore: per la manutenzione del verde pubblico si sale da 200 a 260mila euro, per quella del Parco Arcadia da 8 a 28mila euro.  Per contro, scatterà l’adeguamento Istat di alcune tariffe (nell’ordine di pochi centesimi), senza andare a toccare quelle che riguardano anziani e minori in difficoltà. “L’adeguamento – precisa – non va comunque a coprire i maggiori stanziamenti. Anzi, la copertura diminuisce leggermente rispetto al 2019”.Nel settore Lavori pubblici, l’Amministrazione comunale andrà a completare nel 2020 la ristrutturazione della scuola di San Martino (terzo lotto) e la via Santo Stefano. Negli anni successivi, previsti ulteriori investimenti per manutenzione strade, parchi pubblici, piste ciclabili e, novità, la casa delle associazioni.
    «Per avere a disposizione più risorse – conclude Beltramello – oltre alla razionalizzazione delle spese ci si concentrerà anche sul recupero crediti: mentre nel 2019 erano previsti 160mila euro tra Imu e Tasi, nel 2020 ne abbiamo previsti 215mila. E a proposito di tasse, anche quest’anno abbiamo scelto di non aumentarle, quindi Imu e Tasi restano invariate, mentre scende da 15 a 10mila euro la soglia di esenzione dell’addizionale Irpef, in linea con i Comuni limitrofi (Cisliano, Corbetta, Cusago, Cornaredo e Sedriano). Già dall’anno prossimo, comunque, rivaluteremo la situazione sfruttando le economie che si creeranno dalle gare d’appalto in scadenza».
    Articolo precedenteMagenta. C’era una volta l’industria….Progetto Magenta e il caso della Balcke Durr
    Articolo successivoI ragazzi dei CDD, della RSD ‘Progetto Diamante’ di Arconate e dello SFA ‘L’Aurora’ di Inveruno insieme per la terza edizione dei Mercatini Natalizi a Palazzo Clerici a Cuggiono