Bareggio insedia la commissione Mensa: Fabio Parini alla presidenza, ecco le novità

    55

     

    BAREGGIO – La settimana scorsa si è insediata la nuova Commissione mensa. Vista l’esperienza maturata, è stato confermato presidente Fabio Parini (rappresentante dei genitori della scuola dell’Infanzia Munari, eletto con 151 preferenze). Altri eletti Tiziana Turrina  (infanzia via Gallina, 32 voti), Donatella Landini (primaria Rodari, 70 voti) e Monica De Santis (secondaria De Amicis, 41 voti). Presenti anche i rappresentanti degli insegnanti, della società Gemeaz, del Laboratorio Analisi Saturno, del Settore Educazione del Comune e l’assessore all’Istruzione Roberto Pirota.

    Ai commissari è stato illustrato il corso on-line proposto da Ats che ha lo scopo di potenziare le conoscenze dei corretti stili alimentari e di promuovere la consapevolezza del ruolo che dovranno svolgere.

    L’assessore Pirota ha ribadito ai nuovi eletti l’importanza della loro carica e dei compiti a loro spettanti, in particolare quello di dover mantenere costanti rapporti con i genitori dei vari plessi. Infatti la loro figura sarà di primaria importanza per la raccolta e la trasmissione di tutte le informazioni che perverranno o che avranno la necessità di essere riportate ai genitori.

    “Nell’ordine del giorno era previsto anche l’esame di alcune richieste nel frattempo pervenute dopo l’introduzione del menù invernale – spiega Pirota – Richieste che sono state recepite e che prevedono la modifica parziale del menù invernale a partire dal 10 febbraio. Il nuovo menù sarà divulgato nei prossimi giorni presso le scuole e caricato sul sito del Comune”.

    Pirota ha quindi espresso rammarico per quanto accaduto alla scuola Collodi: “Mi spiace rilevare che, nonostante la data dell’incontro fosse nota, solo dopo la riunione sia pervenuta al Comune una segnalazione a firma di circa 140 genitori della scuola primaria Collodi di San Martino in merito al menù. Lettera che, seppur tardiva e formulata in termini generali, incontra lo spirito che ha portato in modo condiviso i componenti della commissione ad effettuare le modifiche al menù invernale. Comunicazione che, se fosse giunta per tempo, avrebbe trovato spazio per una lettura”. Sempre a proposito della Collodi, Pirota si è detto sconcertato dalla mancanza di un suo rappresentante in commissione. “La cosa che più mi ha personalmente stupito, e la lettera ne è la prova, è stata la  buona capacità organizzativa dimostrata da questi genitori che insieme formano un gruppo di 140 persone. Mi chiedo allora per quale motivo non siano stati altrettanto capaci qualche mese fa di dimostrare la stessa bravura nell’indicare un loro rappresentante. Personalmente ho dimostrato dal mio insediamento la massima disponibilità a raccogliere tutte le osservazioni, anche quelle pervenute attraverso canali non regolamentati. Certo, è impensabile immaginare in futuro di poter comunicare con i genitori di questo plesso attraverso un mero scambio epistolare. Voglio augurarmi che sotto non si nasconda l’ennesima strumentalizzazione, certamente in buona fede per i coinvolti, da parte di qualche politico locale. La comunicazione pervenuta al Comune fa sorgere questo dubbio. I genitori comunque possono stare tranquilli, per quanto mi riguarda il bene dei bambini viene prima di ogni qualsiasi altro interesse”.

    Articolo precedenteUniti per Santo Stefano Ticino: ‘Amministrazione nemica del verde’
    Articolo successivoI dolci della Bindi passano al fondo BC Partners: il fatturato è di 140 milioni di euro