Bareggio: buono natalità e contributo dsa: parte il piano ristori della Giunta Colombo

    120
    BAREGGIO –  Con la pubblicazione dei bandi per il Buono Natalità e per i contributi per minori con disturbi dell’apprendimento ha preso il via il corposo Piano Ristori della Giunta guidata da Linda Colombo.

    Per quanto riguarda il Buono Natalità, è previsto un contributo di 250 euro per ogni bambino nato o adottato dal 1° gennaio al 31 dicembre 2021. Per richiederlo è necessario essere residenti a Bareggio e non c’è limite di Isee per la presentazione delle domande. In caso di nuclei familiari con gemelli, o adozioni plurime, verrà assegnato il buono per ciascun figlio. Le domande dovranno pervenire sul modello appositamente predisposto e disponibile sul sito internet del Comune entro il 31 dicembre 2021 (entro il 31 gennaio 2022 solo per i bambini nati a dicembre) esclusivamente in modalità telematica.
    Il bando per i DSA prevede invece l’erogazione di un contributo fino a 250 euro a sostegno di interventi per minori con disturbi DSA effettuati dal 01/09/2020 al 31/08/2021. Il bando comunale è integrativo rispetto a eventuali ulteriori misure statali e regionali. Le domande dovranno pervenire entro giovedì 23 settembre, anche in questo caso esclusivamente in via telematica.

     

    Per informazioni e per la modulistica visitare il sito del Comune (www.comune.bareggio.mi.it) o contattare il Settore Famiglia e Solidarietà Sociale (02.90369235).
    “Con questi primi due bandi diamo il via alla consistente manovra economica, che anche quest’anno, grazie a un importante lavoro in sinergia tra tutti gli assessorati e gli uffici, siamo riusciti a mettere in campo a sostegno delle famiglie di Bareggio”, ha spiegato l‘assessore al Welfare Mimmo Bonomo.
     “Nelle prossime settimane usciranno scaglionati anche tutti gli altri bandi previsti dal Piano Ristori 2021 di Bareggio approvato nell’ultimo Consiglio comunale. Il Comune vuole essere vicino a tutte le categorie, partendo dai più piccoli”, ha aggiunto il sindaco Linda Colombo.

    Articolo precedenteSalute, al Poliambulatorio Santa Crescenzia una Ortopedia e una Traumatologia sempre più di qualità
    Articolo successivoChi ci ha guadagnato (e ci guadagna) col Covid: per il delivery nel 2020 +56% tra cibo e bevande