Balotta (Europa Verde): ‘A Malpensa due viaggiatori su tre vanno ancora in auto’

    88

    RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

    MALPENSA – I passeggeri nella prima settimana del Bridge a Malpensa sono aumentati del 40% come previsto, ma quelli che arrivano e partono in treno sono aumentati solo del 30%. Già sono solo due  volatori su tre  preferiscono  la loro auto per raggiungere lo scalo.  Il servizio offerto dal treno è buono ma non aver adottato il biglietto integrato treno/metro/autobus a Milano non ha reso competitiva l’offerta ferroviaria. Offerta che sconta la distanza dell’aeroporto con Milano di 47 km.
    Quindi continuano ad essere due viaggiatori su tre che utilizzano l’auto privata per raggiungere i terminal aeroportuali di Malpensa. Il risultato non giustifica l’entusiasmo di Trenord se si pensa inoltre che in agosto il raddoppio dei treni si può fare perche i “rinforzi” vengono tolti grazie ai tagli dei treni agostani sulle linee Milano- Verona, Milano, Domodossola e Milano-Bergamo. Ma a fine agosto che succederà quando i treni  dovranno tornare sulle loro linee? Non solo. Nonostante il Malpensa express venga proclamato da Trenord un servizio commerciale esso viene svolto con risorse destinate al trasporto pendolare. La regione versa contributi (sussidi) pubblici per sostenere i costi del servizio e i treni utilizzati (Coradia Alstom) sono quelli acquistati per i pendolari.

     

    Dario Balotta (Europa Verde)
    Articolo precedenteMagenta, il 14 settembre la seconda Festa della Famiglia (anche senza Morabito)
    Articolo successivoAl circolino (ri)nasce la Democrazia Cristiana di Pontevecchio, sezione ‘Amintore Fanfani’