‘Avanti Magenta’, il Pd dà il via alla campagna di Invernizzi. E a Pasqua…

    86

    I dem hanno lanciato la corsa di Marco Invernizzi per la riconferma alle elezioni (di giugno, quasi sicuramente)

    MAGENTA – Ha scelto il Dolce Vita, nuovo locale di piazza Liberazione, per presentare ufficialmente la propria candidatura,

    Il Partito Democratico e Marco Invernizzi lanciano la corsa alle comunali di giugno (dopo la cancellazione del referendum sui voucher, si parla insistentemente dell’11 giugno e di ballottaggio il 25 giugno) ripartendo dal cuore di Magenta, ossia piazza Liberazione, con buona parte della vecchia guardia (Armanda Dall’Ara) ma anche dei ‘passati’ compagni di strada come Antonio Frascone.

    Ha esordito Fabio Longo, segretario Dem, per cui “è il momento di lancio della camapagna elettorale e della nostra lista. Conludiamo i 5 anni di Marco Invernizzi e immediatamente penso alla squadra, al lavoro con la città. Abbiamo chiesto ai cittadini di lavorare con noi, ci presentiamo con spirito appunto collettivo e abbiamo cominciato con Magenta Domani. Mercoledì sarà presentata la lista civica a sostegno del sindaco, frutto delle relazioni intessute in questi anni. Il ruolo di ciascuno è stato valorizzato in un quadro di senso comune. Il Pd è una grande comunità, in Italia come a Magenta, con un’immagine condivisa e campagne di stampa mirate. I temi sono ambiente, lavoro e sicurezza. Avanti Magenta è il messaggio che vogliamo lanciare alla città”.

    E’ quindi toccato al capogruppo in Consiglio Elisabetta Mengoni, “il Pd ha messo dei temi molto concreti al centro del lavoro che ci aspetta. Abbiamo detto NO al consumo di suolo, togliendo 300mila metri quadri di edificazione potenziale. Del resto l’ambiente è strettamente connesso al tema salute. Il controllo di vicinato coinvolge oggi 120 cittadini. Poi c’è il lavoro: ci siamo chiesti cosa potessimo fare, e qui è stata centrale la progettazione ideale di Marco, ossia porre le basi per il rilancio delle aree ex Saffa ed ex Novaceta. Il nostro è un gruppo consiliare molto variegato, capace di raccogliere diverse istanze. Quindi, anche per i prossimi 5 anni, Avanti Magenta”.

    Il logo della campagna è stato scoperto subito dopo: il simbolo Pd che sovrasta la scritta Invernizzi sindaco.

    Inizia una nuova avventura, ha esordito il sindaco uscente, dopo aver fatto una scommessa: che la città avesse valori comuni e non fosse divisa, come alcuni dicono. Abbiamo scommesso sulla mobilitazione della città, proponendo politiche amministrative coerenti. Siamo stati aperti, non pregiudiziali. Prima c’era una sorta di screening dei proponenti; noi non abbiamo chiesto a nessuno da dove venissero, abbiamo detto ‘lavoriamo insieme’. Abbiamo cominciato con l’ascolto, noi in prima persona. Ascoltare è segno di rispetto. Poi abbiamo parlato della città come sentimento di appartenenza. Ci tiene insieme un progetto bello e condiviso. E la sintesi di questa progettualità complessa sono le due aree, ex Saffa ed ex Novaceta. Nell’uovo di Pasqua di quest’anno avremo delle grandi sorprese, costruendo un percorso importante. Dove ci sono lavoro, giovani, ricerca e riferimento che si chiamerà Progetto Lombardia. Abbiamo avuto il coraggio dei progetti: se non li porti a casa, non hai prodotto nulla. E’ su queste basi che chiediamo la coerente continuità progettuale”.

    (si ringrazia Paolo Bovio per le foto)

     

     

    Articolo precedenteRadici in crescita, sequenza giornaliera degli accadimenti, di Ivan D’Agostini- 18 marzo
    Articolo successivo‘Pas denemi a gauche’, e al Dolce Vita arriva anche il compagno Frascone…