‘Autisti ATM chiedono spray al peperoncino’: parla Corbetta (Lega)

97

 

“Misure per la sicurezza da implementare al più presto” e chiede audizione lavoratori TPL in II commissione regionale

 

Milano – “E’ sacrosanta la richiesta dei dipendenti ATM che hanno sottolineato la necessità di poter disporre di spray anti-aggressione e di altre misure relative alla sicurezza sui mezzi pubblici”. Così Alessandro Corbetta, consigliere regionale della Lega, che oggi ha formalizzato la richiesta di audizione al Presidente della II Commissione Affari Istituzionali Alessandra Cappellari delle forze sindacali e delle rappresentanze dei lavoratori del Trasporto Pubblico Lombardo sia su gomma che su ferro. “Spray, adeguati corsi di autodifesa, presenza di guardie giurate a bordo mezzo, potenziamento della Polizia Locale nelle stazioni, alle fermate degli autobus e nei luoghi di interscambio, telecamere obbligatorie su tutti i mezzi. Sono provvedimenti che chiediamo da tempo all’assessore De Corato e che crediamo vadano resi effettivi nel più breve tempo possibile, anche perché dalla Giunta Sala e dal ministro Lamorgese non arrivano molte risposte in tema sicurezza”.

Corbetta da diverso tempo porta avanti proposte e iniziative per migliorare la sicurezza sui mezzi e nelle stazioni, recependo segnalazioni e istanze di autisti e utenti dei trasporti pubblici e amministratori locali.

“E’ un tema sul quale va prestata una sempre maggiore attenzione – continua Corbetta – come confermato purtroppo dalle innumerevoli aggressioni compiute ai danni degli operatori del trasporto pubblico, l’ultima delle quali ai danni di un conducente della metropolitana M3 nella stazione di San Donato Milanese”.

“L’audizione in II Commissione permetterà di confrontarsi con i lavoratori e discutere di come Regione Lombardia possa venire incontro alle loro esigenze potenziando la sicurezza per loro e per gli utenti”.

Articolo precedenteInaugurato il primo tratto della ciclabile Milano-Idroscalo
Articolo successivo++Corbetta: la Farnesina chiede di far luce sulla morte di Raphael Tunesi