CronacaNews

ASST Ovest Milanese: al via la campagna antinfluenzale

Tutto quello che c'è da sapere: date e categorie interessate

LEGNANO/MAGENTA –  E’ partita anche nel territorio  dell’ASST Ovest Milanese (presidi ospedalieri e ambulatori di Legnano, Magenta, Cuggiono/Castano e Abbiategrasso), la consueta campagna vaccinale antinfluenzale 2018. Qui sotto e in allegato (per la programmazione) trovate le date e le categorie coinvolte. Ricordiamo che vaccinarsi è importante, soprattutto per le categorie più a rischio.

Anche se fa meno notizia, ricordiamo che di influenza si muore (ovviamente per le complicazioni che la malattia porta con sé sui soggetti immunodepressi). Le statistiche parlano di un centinaio di morti nel nostro Paese e di quasi 600 casi che hanno richiesto il ricovero nell’ultimo anno (https://www.corriere.it/salute/malattie_infettive/18_febbraio_16/influenza-oltre-cento-morti-italia-13b97cde-132b-11e8-bbf7-75f50a916419.shtml).

Situazione ancora peggiore se si guarda il contesto mondiale dove entrano in gioco altri elementi come la bassissima copertura vaccinale in alcuni Paesi del Terzo Mondo: qui si arriva addirittura a 650 mila morti all’anno (http://www.quotidianosanita.it/scienza-e-farmaci/articolo.php?articolo_id=57035)

SCARICA LA PROGRAMMAZIONE:

PROGRAMMAZIONE ANTINFLUENZALE 2018 ASST OMI

 

Elenco delle categorie per le quali la vaccinazione stagionale è raccomandata e offerta attivamente e gratuitamente
Persone ad alto rischio di complicanze o ricoveri correlati all’influenza:
• Donne che all’inizio della stagione epidemica si trovano nel secondo e terzo trimestre di gravidanza.
• Soggetti dai 6 mesi ai 65 anni di età affetti da patologie che aumentano il rischio di complicanze da influenza:
a) malattie croniche a carico dell’apparato respiratorio (inclusa l’asma grave, la displasia broncopolmonare, la fibrosi cistica e la broncopatia cronicoostruttiva-BPCO);
b) malattie dell’apparato cardio-circolatorio, comprese le cardiopatie congenite e acquisite;
c) diabete mellito e altre malattie metaboliche (inclusi gli obesi con BMI >30);
d) insufficienza renale/surrenale cronica;
e) malattie degli organi emopoietici ed emoglobinopatie;
f) tumori;
g) malattie congenite o acquisite che comportino carente produzione di anticorpi, immunosoppressione indotta da farmaci o da HIV;
h) malattie infiammatorie croniche e sindromi da malassorbimento intestinali;
i) patologie per le quali sono programmati importanti interventi chirurgici;
j) patologie associate a un aumentato rischio di aspirazione delle secrezioni respiratorie (ad es. malattie neuromuscolari);
k) epatopatie croniche.
• Soggetti di età pari o superiore a 65 anni.
• Bambini e adolescenti in trattamento a lungo termine con acido acetilsalicilico, a rischio di Sindrome di Reye in caso di infezione influenzale.
• Individui di qualunque età ricoverati presso strutture per lungo degenti.
Persone che possono trasmettere l’infezione a soggetti ad alto rischio:
• Medici e personale sanitario di assistenza in strutture che, attraverso le loro attività, sono in grado di trasmettere l’influenza a chi è ad alto rischio di complicanze influenzali.
• Familiari e contatti (adulti e bambini) di soggetti ad alto rischio di complicanze (indipendentemente dal fatto che il soggetto a rischio sia stato o meno vaccinato).

Soggetti addetti a servizi pubblici di primario interesse collettivo e categorie di lavoratori:
• Forze di Polizia
• Vigili del Fuoco
• Altre categorie socialmente utili potrebbero avvantaggiarsi della vaccinazione,per motivi vincolati allo svolgimento della loro attività lavorativa; a tale riguardo, è facoltà delle Regioni/PP.AA. definire i principi e le modalità dell’offerta a tali categorie.
• Infine, è pratica internazionalmente diffusa l’offerta attiva e gratuita della vaccinazione antinfluenzale da parte dei datori di lavoro ai lavoratori particolarmente esposti per attività svolta e al fine di contenere ricadute negative sulla produttività.
Personale che,per motivi di lavoro, è a contatto con animali che potrebbero costituire fonte di infezione da virus influenzali non umani:
• Allevatori
• Addetti all’attività di allevamento
• Addetti al trasporto di animali vivi
• Macellatori e vaccinatori
• Veterinari pubblici e libero-professionisti
Altre categorie
• Donatori di sangue

Redazione

Redazione Ticino Notizie

Related Articles

Back to top button

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi