Associazioni del Magentino-Abbiatense FUORI dalla pandemia: il 18 novembre incontro ad Abbiategrasso

123

 CSV MILANO, I FORUM DEL TERZO SETTORE DI MILANO, ADDA MARTESANA E ALTOMILANESE, ACLI MILANO, DIPARTIMENTO WELFARE DI LEGACOOP, FEDERSOLIDARIETÀ CONFCOOPERATIVE MILANO, OPERATIVAMENTE E STRATEGICAMENTE INSIEME NELL’ACCOMPAGNARE GLI ENTI DI TERZO SETTORE
FUORI DALLA CRISI PANDEMICA E NEL CUORE DEL NUOVO REGISTRO UNICO DEL TERZO SETTORE. UN TOUR NELLA CITTÀ METROPOLITANA NE PRESENTA VISIONE E POTENZIALITÀ. IL 18 NOVEMBRE TAPPA AD ABBIATEGRASSO

 

MILANO MAGENTA ABBIATEGRASSO La perdurante Pandemia, una crisi economica ormai cronica e le incalzanti sfide introdotte dalla Riforma del Terzo Settore e dall’epocale lancio del relativo Registro Unico. Da questo complesso scenario prende via il viaggio di RigeneraETS.net, rete di supporto, sostegno, promozione espressamente rivolta agli Enti di Terzo Settore, ideata e realizzata da CSV Milano, i Forum del Terzo settore di Milano, Adda Martesana e Altomilanese, ACLI Milano, Dipartimento Welfare di Legacoop, Federsolidarietà Confcooperative Milano, che sarà protagonista di un “tour di presentazione” che toccherà nei prossimi mesi, oltre Milano Città, anche tutti i territori della Città Metropolitana di Milano. Per il Territorio del Magentino Abbiatense, l’appuntamento è organizzato In collaborazione con Fondazione Comunitaria Ticino-Olona e si terrà ore 18.00 presso la Sala ex Convento dell’Annunciata, via Pontida 22 in Abbiategrasso.

Progetto RigeneraETS.net è un servizio innovativo e risponde a una duplice sfida: quella in primis di ascoltare, raccogliere e mappare, tramite quattro “punti di sostegno” territoriale, i bisogni organizzativi, gestionali e progettuali degli enti di Terzo settore. La seconda è quella di elaborare risposte mirate, mettere a punto nuove linee strategiche e d’indirizzo utili per il supporto e il rafforzamento degli enti stessi e delle loro attività. Entrambe le sfide saranno affrontabili grazie alla cabina di regia di esperti che, provenienti dalle realtà promotrici, coordineranno il nuovo servizio, un pool di professionisti che intreccerà la propria attività con il lavoro di super specialisti provenienti da Manager Italia e Probono Italia, partner tecnici di RigeneraETS.net.

 

«Le realtà del Terzo settore – dice il presidente di CSV Milano, Andrea Fanzago – saranno chiamate nei prossimi mesi ad affrontare una serie di sfide decisive per il loro presente e per il loro futuro. E davanti a questo spartiacque noi, promotori di questo progetto, vogliamo essere al fianco dei diversi enti per assicurargli il nostro pieno supporto».

Rossella Sacco, portavoce del Forum Terzo settore di Milano spiega che «la crisi sociale ed economica causata dal Covid-19 e l’avvio del Registro unico nazionale obbliga il Terzo settore a intraprendere oggi una serie di trasformazioni per rispondere ai bisogni della comunità nel post pandemia». Ribadisce, inoltre, che «co-progettazione e co-programmazione, crisi della base sociale, impatto sociale, sono alcune delle “voci” che non potranno essere più come prima». E sempre Rossella Sacco insiste nel rimarcare che «l’emergenza sanitaria, con le sue “ferite” sociali ed economiche, e l’avvio del Registro unico nazionale del Terzo settore sono una spinta a interrogare il presente e a sviluppare il futuro, affinché sia ossigeno e collante per il tessuto sociale e architrave del welfare. Ancor più diventa determinante nel prossimo futuro per il ruolo che il Terzo settore assumerà nelle priorità indicate nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza».

L’analisi di Alberto Fedeli, portavoce del Forum Terzo Settore Altomilanese si focalizza sulla constatazione che «la pandemia ci sta consegnando un Terzo settore frammentato che, a fronte di pochi che si sono rafforzati, tanti stanno rimanendo indietro. Per esempio, ci sono territori che hanno perso una generazione di volontari anziani. Purtroppo, con loro sono scomparse anche parecchie piccole associazioni. Nessuna crisi prima di oggi aveva colpito così duramente il Terzo settore, nemmeno quella finanziaria del 2008. Per molti enti è questione di sopravvivenza e si sa che nei momenti di più forte difficoltà servono dei cambiamenti radicali».

In un panorama completamente cambiato nel corso degli ultimi due anni, secondo Paolo Nicolodi, portavoce del Forum Terzo settore Adda Martesana, il Progetto RigeneraETS.net fa sperare che «il Terzo settore possa contribuire alla comprensione dei bisogni emergenti, ma anche alla loro soluzione attraverso misure innovative. È quindi il non profit sia un soggetto fondamentale nella realizzazione del welfare comunitario. Attraverso il coinvolgimento del Terzo settore, pratiche e interventi possono infatti generare processi sociali positivi per il territorio e le comunità per rimettere le persone e i loro bisogni al centro».

Nel giudizio di Andrea Fanzago, esistono le condizioni perché un Terzo settore che si fa sistema possa fornire un sostanzioso contributo alla crescita della solidarietà: «Come rappresentanti di organismi di sistema abbiamo la responsabilità di promuovere e stimolare apposite azioni coordinate con diversi interlocutori pubblici e privati, a partire dalla raccolta delle difficoltà determinate dal momento storico che stiamo vivendo per andare a determinare azioni di sistema con altri attori pubblici e privati, così come anche azioni di sostegno diretto nei confronti degli enti».

Dopo la data del 18 novembre ad Abbiategrasso il tour di presentazione di RigeneraETS.net continua:

22 novembre a Melegnano (ore 18.30 – Cascina Cappuccina, via G. Verdi).
25 novembre, ore 17.30 a Milano, luogo in via di definizione.

Per partecipare all’incontro di Abbiategrasso è necessario munirsi di green pass e iscriversi online sul portale MyCSV di CSV Milano. Per maggiori informazioni contattare farenonprofit.milano@csvlombardia.it. Per supporto nell’iscrizione gratuita all’incontro di Legnano bancadati.milano@csvlombardia.it.

Articolo precedenteAbbiategrasso, nasce la rete solidale di san Vincenzo: un ‘dolce’ modo per sostenerli
Articolo successivoSave the Children/2, dato agghiacciante: in Italia ‘persi’ 600mila minori in 15 anni