Associazioni combattentistiche: un albo regionale per indirizzare le risorse

    89

    MILANO – E’ stato approvato, oggi, in VII Commissione del Consiglio Regionale, il progetto di legge volto al sostegno delle associazioni combattentistiche, d’arma e delle associazioni delle forze dell’ordine riconosciute a livello nazionale che operano sul territorio lombardo. Prima firmataria la Vicepresidente del Consiglio Regionale Francesca Brianza (Lega).

    IMPORTANTE FUNZIONE SOCIALE –Oggi è stato compiuto un passo importante per sostenere concretamente un patrimonio prezioso per tutti noi – ha dichiarato la Vicepresidente Brianza – . Le associazioni combattentistiche, d’arma e delle forze dell’ordine svolgono infatti importantissime funzioni di sicurezza ma anche dal forte contenuto educativo, simbolico e culturale“.

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    200 MILA EURO ANNUI PER IL TRIENNIO 2019-2021 Attraverso questo provvedimento – prosegue – intendiamo istituire un elenco di tutte queste associazioni che operano nella nostra regione al fine di poter indirizzare in maniera puntuale le risorse stanziate tramite appositi bandi che andranno a finanziare le iniziative e gli interventi che possano esaltarne il valore, le azioni e il significato“.

    Regione Lombardia – conclude Brianza – collabora in stretta sinergia con le associazioni che integrano e completano l’azione della pubblica amministrazione. Un valore prezioso che dobbiamo custodire, sostenere e soprattutto trasmettere alle nuove generazioni affinché possano tramandarne l’opera nel futuro“. “Soddisfatto per l’approvazione di questo progetto di legge ad ampia maggioranza – ha commentato il Presidente della Commissione VII e relatore del provvedimento Curzio Trezzani (Lega) – il che significa che è riconosciuta la bontà di questo PDL che appunto vuole dare un contributo a tutte quelle associazioni che, soprattutto nei piccoli centri, sono fondamentali per la promozione di una cultura della sicurezza e tengono viva con le loro iniziative la storia lombarda e delle forze armate“.

    Il progetto di legge prevede uno stanziamento iniziale di 600 mila euro per il triennio 2019 -2021 attraverso il quale si andrà a sostenere lo svolgimento di cerimonie, manifestazioni, mostre, convegni, raduni, rievocazioni storiche, ma anche iniziative culturali e formative finalizzate alla diffusione della cultura della sicurezza civica, sostegno ad associati e superstiti oltre alla gestione oltre alla manutenzione ordinaria e alla valorizzazione dei siti museali, dei luoghi simbolo e delle sedi per lo svolgimento delle attività associative.

    Articolo precedenteAutonomia: Fontana (giustamente) punta i piedi. “Pretendo una risposta”
    Articolo successivoMagenta, Paritarie. Calati e Gelli: “Non lasceremo indietro nessuno”