AssaggiAMO il teatro: domenica al Lirico la Bella e la Bestia

    79

    Un appuntamento imperdibile dedicato ai più piccoli e alle loro famiglie

    MAGENTA – Una imperdibile occasione per i bimbi, La Bella e La Bestia, una produzione del Teatro Stabile di Innovazione La Contrada di Trieste, al Teatro Lirico di Magenta – Comune che ha promosso e sostenuto questo appuntamento della rassegna – per AssaggiAMO IL TEATRO.

     

    Uno spettacolo irrinunciabile per tutte le famiglie che avranno voglia di passare un delizioso pomeriggio in compagnia della bestia e della sua bella più famosi di sempre….L’appuntamento è per domenica 19 Febbraio  alle  16, al Teatro Lirico di Magenta (Via Cavallari 2).

     

    La bestia della fiaba omonima è qui un giovane principe, ma anche un ragazzo di oggi, con grandi orecchie e sopracciglia pelose, trasformato in un essere orribile dalla solita strega malvagia. Ma Bestia non si arrende e vuole trovare la ragazza giusta per spezzare l’incantesimo che lo opprime. E’ così che, quando un padre sta per cogliere una rosa in regalo per la figlia preferita, alla Bestia viene offerta la grande opportunità di costringere una ragazza a vivere con lui, nella speranza di riuscire a convolare a nozze. Bella per sua fortuna non è solo carina, ha un grande cuore e accetta di conoscere Bestia, che è brutta davvero, ma simpatica e anche un po’ romantica. Tra i due si instaura un rapporto speciale, che trascende l’aspetto fisico, capace di spezzare ogni incantesimo, partendo dall’accettazione di sé. Tra sorelle intriganti e pasticcione, un padre negato per gli affari ma col cuore di poeta e un cameriere pieno di simpatia, si snoda una vicenda dal finale un po’ speciale.

     

    Età consigliata: dai 5 annla-bella-e-la-bestia-banneri in su

     

    Ingresso 3€ – prenotazione obbligatoria

     

     

    Articolo precedenteRadici in crescita, sequenza giornaliera degli accadimenti- di Ivan D’Agostini, 14 febbraio
    Articolo successivoBià, Finiguerra/elezioni: “Noi abbiamo un’idea diversa di città”