Aspettando la Milano Torino con Gianni Bugno. Ticino Notizie Media partner dell’evento

    105

    MAGENTA – In occasione della partenza della 99ma Milano- Torino, la più storica delle gran classiche del ciclismo, famosa in tutto il mondo, Magenta offre una serie di appuntamenti dedicati agli appassionati di ciclismo e a tutti coloro che vogliono vivere l’emozione delle due ruote, ripercorrendone i successi più grandi.

    Giro d’Italia 1990 – Vallombrosa – Gianni Bugno (Chateau D’Ax)

    Non poteva quindi mancare la presenza del campionissimo Gianni Bugno, campione del mondo su strada nel 1991 e nel 1992, con all’attivo 72 vittorie di cui nove vittorie di tappa al Giro d’Italia, nonché il successo finale nel 1990, quattro tappe al Tour de France e due alla Vuelta a España. Tra le gran classiche i suoi successi annoverano una Milano-Sanremo, un Giro delle Fiandre, un Giro dell’Emilia e proprio una Milano – Torino.

    Gianni Bugno incontrerà tutti i tifosi e gli appassionati martedì 2 ottobre in Sala Consiliare a Magenta alle 18.30, per ripercorrere la storia del ciclismo attraverso gli aneddoti, i ricordi e i momenti più intensi della sua carriera, accompagnati da proiezioni ed immagini. Per l’occasione sarà presente ad intervistarlo la nostra giornalista Arabella Biscaro. 

    “Ospitare Gianni Bugno, che possiamo definire ‘il nostro campione’ essendo vissuto a lungo nel nostro territorio nella vicina Robecco è un grande piacere. Con lui potremo rivivere le emozioni di uno sport molto amato nelle nostre zone, a tutti i livelli e che coinvolge tutte le età. Niente di meglio per attendere insieme la partenza della Milano-Torio, una delle corse che ha visto Gianni Bugno tra i più grandi protagonisti. Ringrazio Gianni Bugno per la disponibilità che ci ha dimostrato e aspetto tutti in Sala Consiliare il 2 ottobrecosì il Sindaco Chiara Calati via facebook.

     

     

    Articolo precedenteMagenta verso la 26 esima edizione della “Festa del Commercio”
    Articolo successivo“Il ricorso è fondato e merita accoglimento!, ma l’azienda non riconosce la sentenza e si rifiuta di fare entrare i lavoratori al lavoro”