#Aspassopervoi quattro idee per un agosto in città

    64

    MILANO – Se chiudiamo gli occhi e proviamo ad immaginare una cartolina dell’estate italiana, sfido chiunque a non farsi venire in mente le immagini degli anni 50” e 60”, con le code interminabili in autostrada dove le piccole utilitarie caricate all’inverosimile di bagagli si stipavano come sardine in viaggio verso le agognate località di vacanza. Per i siti di villeggiatura che si affollavano, i grandi centri si svuotavano quasi completamente per tutto il mese, complici anche le chiusure di tutte le grandi aziende, diventando delle vere e proprie città fantasma.
    Riaprendo gli occhi e ripiombando negli anni 2000, è evidente che il modo di fare vacanza sia cambiato: c’è chi sceglie la “vacanza intelligente”, per evitare il caro prezzi e l’affollamento di agosto, c’è chi sceglie la “vacanza mordi e fuggi”, spezzettando le ferie in tanti weekend e chi ancora sceglie le “ferie scaglionate” spalmando il periodo feriale su tre mesi, magari una settimana al mese o chi ancora scegli di tenersi i permessi e farsi una vacanza esotica in inverno, facendo crepare tutti di invidia a tempo debito.
    Per quanto i tempi siano cambiati e a seconda di quale tipo di vacanziero siate, sono sicura che nessuno ami stare a casa ad Agosto anche solo nel weekend, magari in cerca disperata di un bar aperto dove bersi un caffè o prendere un gelato.

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    Se non fa troppo caldo per uscire, qui di seguito vi propongo quattro mostre in corso a Milano, che magari vi distrarranno dalla tentazione di lanciare l’ennesimo improperio verso il vostro collega (si proprio quello che vi ha fregato la settimana di ferie) e dal suo ennesimo selfie postato su facebook con l’immancabile fenicottero rosa al mare!

    • Modigliani Art Experience al MUDEC: al museo delle culture di Milano MUDEC è arrivata la mostra multisensoriale dedicata al controverso artista livornese. Non aspettatevi però la solita rassegna di quadri! Con le “Art Experience”, forme espositive non nuove al MUDEC, si mira a far vivere allo spettatore una vera e propria sperimentazione “immersiva” nella vita e nei quadri di Modigliani, nel senso che grazie a delle proiezioni di suoni, colori si cerca di coinvolgere il visitatore diversamente con rispetto alla classica contemplazione delle opere d’arte. Se non lo avete mai provato, ad agosto troverete sicuramente meno gente nelle sale, riuscendovi a godere appieno l’esperienza!

    • IMPRESSIONISMO E AVANGUARDIECapolavori dal Philadelphia Museum of Art al Palazzo Reale di Milano . Se siete scettici verso le “Art Experiences” non vi resta che buttarvi sul classico in tutti i sensi! Non perdetevi a Palazzo Reale l’esposizione di 50 capolavori provenienti dal museo di Philadelphia, che fu capitale del collezionismo d’arte dall’Ottocento in poi, interamente dedicata all’impressionismo, che da sempre resta uno dei movimenti artistici più amati e conosciuti al mondo. Se nemmeno Monet e Picasso riusciranno a farvi passare il muso lungo, approfittate degli ulteriori ribassi nei negozi del centro, per scovare qualche super affare da sfoggiare a settembre per vendicarvi di vostra cugina, che vi tempesta di whatsapp con la cronistoria del suo soggiorno a Miami!

     

     

     

     

     

     

     

     

    Mostra Luigi Ghirri Il paesaggio dell’architettura alla Triennale. Siete più tipi da fotografia? Immancabile allora la retrospettiva sul lavoro dell’emiliano Luigi Ghirri. Fulcro della mostra è l’apporto di Ghirri all’architettura e alla fotografia, da lui viste come arti in costante relazione. Il progetto architettonico non è per Ghirri un soggetto a sé stante, ma sempre in relazione al paesaggio che lo circonda. Questo suo pensiero lo possiamo rivivere attraverso i suoi scatti, che ci rendono anche un po’nostalgici verso un mondo, quello degli anni ’80, che ci è appartenuto e adesso non c’è più.

     

     

    • Harry Potter alla Fabbrica del Vapore. La “Harry Potter The Exhibition”, mostra internazionale itinerante partita da Chicago nel 2009, è stato uno degli eventi cult a Milano quest’anno, registrando giornate di tutto esaurito. Quale momento migliore di agosto per sperare di trovare qualche orario di visita disponibile e sale non gremite di gente? Sia che siate fans sfegatati del maghetto o che abbiate figli che attendono disperati una lettera che gli comunichi la loro imminente ammissione a Hogwarts questo evento è da non farsi scappare assolutamente! Magari frugando tra gli incantesimi di Hermione Granger troverete una formula magica per far spuntare delle bolle verdi addosso a quella ragazza abbronzatissima che compare abbracciata al vostro ex nelle sue Instagram stories (proprio lui, che vi aveva detto che aveva testa solo per il lavoro e non voleva illudervi di poter avere una storia seria)! Per il vostro ex invece niente dubbi: un Avada Kedavra è ciò che merita!
    Un po’ colpevolmente dichiaro che anche io partirò tra poco per ritornare a settembre, ma spero, dopo questi consigli, di non attirarmi le maledizioni di nessuno! Dopotutto se non andassi “a spasso per voi” non ci sarebbero consigli da dare 😉

    Buone vacanze a tutti!!!
    Ringrazio le mie amiche Chiara e Michela per la gentile concessione delle immagini per Modigliani Art Experience e Harry Potter the Exhibition

    Federica Goi

    (*nelle immagini in evidenza la mostra di Ghirri alla Triennale, dall’alto Harry Potter, gli impressionisti e Modigliani)

    Articolo precedenteCommercio, Laura Cattaneo lancia l’idea dei referenti di strada
    Articolo successivoDa Regione Lombardia 300 mila euro per interventi urgenti lungo il Naviglio Grande