ASLAM Magenta: i Termoidraulici in gita a Milano

    62

    Cosa si ‘nasconde’ sotto le strade del capoluogo lombardo

    MAGENTA – Le gite di istruzione rappresentano per le scuole un momento formativo importante: per questo in ASLAM sono pensate e organizzate con grande cura e attenzione: esse rappresentano infatti delle occasioni imperdibili per approfondire “in presa diretta” la conoscenza della professione per cui gli studenti si stanno preparando. Una formazione professionale in itinere, dunque, che ha il vantaggio di mostrare aspetti “unici”, come è accaduto ai ragazzi della 2° classe di Operatori di Impianti Termoidraulici, corso che si tiene presso la sede ASLAM di Magenta. Accompagnati dall’ingegnere Daniele Caprini, DC facility management, Area tecnica impianti, Unità manutenzione impianti meccanici del Comune di Milano, gli studenti sono scesi sotto il selciato delle strade del capoluogo lombardo per scoprire il funzionamento degli impianti termoidraulici di due edifici antichi e assai prestigiosi: il Castello Sforzesco e il Palazzo Reale. In particolare, rispetto a quest’ultimo, l’esperto ha mostrato come, in una struttura che ha secoli di storia, sono state risolte brillantemente situazioni complesse, come quella di garantire temperatura e umidità costanti nella parte museale dell’edificio in qualunque condizione, anche in assenza di acqua ed energia. Le opere d’arte infatti hanno bisogno di essere conservate in condizioni particolari per rimanere inalterate nel tempo. È risultato dunque evidente come la professione che i giovani di ASLAM stanno imparando ha un valore fondamentale anche nel campo artistico, e ciò ha entusiasmato i ragazzi, responsabilizzandoli ulteriormente nell’imparare alla perfezione ciò che viene loro insegnato, e appassionandoli ancora di più al percorso di formazione intrapreso. Sono risultati importanti, che vanno a incrementare e rinsaldare il loro bagaglio per il futuro.

     

    (spazio informativo a cura di ASLAM Cooperativa Sociale)

    Articolo precedenteTeatro Lirico Magenta: tributo ad Ennio Morricone
    Articolo successivoLuca Castiglioni di Progetto Magenta lancia un evento sulla sindrome di Rokitansky