“ASCOLTATI DA NOI PER VOI” by TrexRoads Casper McWade – “Unraveled” (2020)

311

Il mondo della musica indipendente americana, quella country folk rock, non finisce mai di stupirmi e di regalarmi gioielli che mi sento in dovere di far conoscere al pubblico italiano, che raramente viene a conoscere. I motivi sono tantissimi, un genere che qui si conosce poco o si conosce male (in Italia c’è una concezione distorta su cosa sia davvero il country) ma soprattutto essendo una distribuzione indipendente è per sua natura di nicchia, riservata ad un pubblico appassionato che rende a questi artisti quello che riceve : emozioni vere. Questi musicisti, alcuni anche grandissimi nomi, sono rimasti normali, persone comuni, di quelle che dopo le esibizioni si fermano a parlare con il pubblico, che vogliono sentirne il calore. Ecco il segreto è tutto qui, il segreto dell’outlaw country indipendente, musica da e per la gente, lavoro, vita dura e famiglia, sentimenti e passione. Ecco Casper McWade è uno dei migliori prodotti di questo mondo, uno che scrive e suona per passione, non costruisce nulla, non inventa ma ci regala emozioni ad ogni canzone.

Ha quell’abilità che ormai è universalmente riconosciuta in colleghi come Cody Jinks (che infatti è suo amico e ha cantato con lui in uno dei pezzi del disco e ha usato un suo pezzo per il suo disco The Wanting), Jamey Johnson, Mickey Lamantia o Creed Fisher, di essere uno del pubblico, un’estensione sul palco dei sentimenti dei fan. Tutto qui semplice e chiaro, come questo disco Unraveled (ufficialmente il suo terzo dopo un’EP del 2010 e Hello Lonesome del 2018), che parte da una copertina capolavoro e ci arriva diritti al cuore. Niente di artificiale, solo suonato e prodotto come dio comanda, quasi come fosse live anzi la sensazione è proprio quella di canzoni che sgorgano così naturali e vengono impresse in un vinile che è uno dei gioielli più lucenti di un anno terribile, soprattutto per artisti che fanno della vita on the road e dei concerti il proprio sostentamento per anima e corpo.

Il disco è uscito per l’etichetta che fa del country indipendente senza compromessi commerciali, un mantra e cioè la Death Before Pop Country Records, il nome non lascia spazio a fraintendimenti della direzione musicale.

La title-track è una stupenda ballata country con la voce di Casper che è convincente, profonda e intensa, chitarra acustica e una malinconia che ci svela questo disco e la direzione che prenderà. Bellissima. Ma se volete capire cosa vuol dire essere un musicista country indipendente, suonare e vivere senza compromessi basta ascoltare The Eagle, un pezzo di outlaw proveniente direttamente dal sound inventato da Waylon Jennings, polverosa e divertente, un brano che diverrà un classico delle sue esibizioni live e delle radio di settore. Il buon McWade è dell’Oklahoma ma in Texas avrà più di un ammiratore dopo questa meravigliosa song dall’animo texano. Forse il vero capolavoro del disco, country come ce ne vorrebbe a tonnellate nel music business finto e patinato dei grandi show in tv.

La collaborazione con il suo amico Cody Jinks, una vera istituzione ormai nel country dopo una carriera cominciata con l’heavy metal, è una cover degli Alice in Chains , Don’t Follow che lascia senza parole per intensità e coraggio, altro giro altro capolavoro. La band di supporto poi gli Honkytonk Rebels sono il tocco in più, una band country coi fiocchi.

Chasing the Light è una struggente ballata sulla perdita del padre, commovente e intensa e poi di nuovo una mossa coraggiosa rendere reinterpretando in salsa country, una canzone della band pop rock storica i REO SpeedWagon, Take It On The Run. Operazione riuscita, anzi il pezzo pare scritto da Casper e la sua esecuzione fa dimenticare l’originale, menzione d’onore per violino e pedal-steel degli Honkytonk Rebels, magistrali!

Un disco vero di un artista di talento, uno che canta per tutti noi che viviamo nel mondo reale e abbiamo problemi e sogni reali, magari non riceverà mai premi o riconoscimenti televisivi o radiofonici ma i suoi seguaci continueranno ad amarlo e a spargere il suo verbo di cantautore indipendente e con quell’anima outlaw di cui Waylon Jennings e Johnny Cash sarebbero stati orgogliosi.

 

Buon ascolto,

Claudio Trezzani by TrexRoads  www.trexroads.altervista.org

(nel blog trovare la versione inglese di questo articolo : (nel blog trovate la versione in inglese a questo link : http://trexroads.altervista.org/unraveled-casper-mcwade-2020/ )

Articolo precedenteProvincia di Novara, SI alla mozione urgente di FDI per l’Hub Covid a Vercelli
Articolo successivoMagenta, Preziose Tentazioni: l’arte di lavorare (e riparare) gemme e orologi