Arese: area ex Alfa. Avanza il progetto di rigenerazione urbana

334

 Il Collegio di Vigilanza del progetto di riqualificazione dell’area Ex-Alfa Romeo, collocata sul territorio dei comuni di Arese, Garbagnate Milanese e Lainate, durante la seduta di ieri ha condiviso un aggiornamento dell’iter del progetto e sono state perfezionate la proposta di variante urbanistica e il rapporto ambientale del progetto di sviluppo, che verranno pubblicati per raccogliere le osservazioni dei soggetti interessati.

 

Alla seduta presieduta da Regione Lombardia, erano presenti le Amministrazioni Comunali del territorio, la Città Metropolitana di Milano e l’operatore proprietario dell’area.

ORA LA DEFINIZIONE DELL’ATTO INTEGRATIVO – Il passo successivo sarà, nei prossimi mesi e con l’apporto di tutti i soggetti coinvolti, la definizione dell’Atto Integrativo all’Accordo di Programma.

 

600 MILIONI DI INVESTIMENTO – Il progetto di rigenerazione urbana dell’area ex-Alfa Romeo si sviluppa su una superficie di circa 700.000 metri quadrati e prevede un investimento diretto di circa 600 milioni di euro.

Le stime indicano un impatto economico sul territorio, sia in termini diretti sia di indotto, di 1,4 miliardi di euro, con la creazione di oltre 1.200 nuovi posti di lavoro.

 

Verranno realizzati oltre 120 milioni di euro di urbanizzazioni, opere pubbliche e ambientali, in sinergia con le Amministrazioni locali, in grado di affrontare efficacemente il problema del traffico locale e di incrementare le strutture pubbliche, soprattutto sportive, urbane e del verde pubblico dei Comuni di Arese, Lainate e Garbagnate Milanese.

 

PALAZZO GARDELLA, EX CENTRO DIREZIONALE ALFA ROMEO – Nel progetto è prevista anche la valorizzazione di Palazzo Gardella, un tempo centro direzionale dell’Alfa Romeo, mantenendo tutte le caratteristiche originarie dell’edificio progettato dal grande architetto milanese, in piena sinergia con la Sovrintendenza.

 

UNA FORESTA URBANA PER ABBATTERE LE EMISSIONI DI CO2 – Il cuore della riqualificazione sarà verde, con una grande foresta urbana di oltre 300.000 metri quadrati, con tutte le sue dinamiche vegetali e faunistiche per far rivivere un’esperienza di benessere e di sport unica a contatto con la natura. Il beneficio ambientale dell’intero progetto è quantificabile in una riduzione di quasi 3.000 tonnellate di CO2 emesse ogni anno, grazie alla piantumazione di nuovi alberi, alla costruzione di nuovi percorsi ciclabili e alla produzione energetica proveniente da fonti rinnovabili.

Infine, questa zona, conosciuta come una delle aree ex-industriali con un indice di permeabilità del terreno particolarmente critico, vedrà un aumento di superficie permeabile di oltre il 65%, con la trasformazione del grande parcheggio asfaltato di Expo 2015 in un grande parco urbano.

 

PERCORSI CICLOPEDONALI E RIQUALIFICAZIONE URBANA – La sfida del progetto è anche quella di integrarsi sempre di più con i Comuni di Arese, Lainate e Garbagnate Milanese, dove verranno definiti e realizzati nuovi percorsi ciclopedonali e numerosi progetti di riqualificazione urbana.

Il progetto dell’area ex-Alfa Romeo rappresenta un nuovo tassello nello sviluppo della Città Metropolitana di Milano, e la sinergia con la crescita di MIND, nell’area di Expo Milano 2015, rappresenta un’opportunità unica di dinamismo economico e sociale di questo territorio.

 

Articolo precedenteAlto Milanese: martedì 19 termina l’Asciutta del Villoresi sino a Parabiago
Articolo successivoFondazione Ronald McDonald porta il suo augurio di Buona Pasqua agli ospedali pediatrici di Milano