Arconate, folle semina il panico nel centro del paese

204

ARCONATE –  Sì sono vissuti momenti di panico ad Arconate. Ieri mattina, a causa di un uomo 31 anni. È successo in piazza San Carlo dove il giovane è entrato nel bar Armony. Come un cliente qualsiasi, chiedendo un caffè. Poi ha cominciato a indietreggiare, a girovagare per il locale con lo sguardo perso nel vuoto. Si è diretto verso il bancone dove c’era solo la barista, una ragazza di origini cinesi. Improvvisamente ha afferrato un coltello. Si trovava sul banco insieme ad altre posate utilizzate per tagliare la frutta. Una volta preso il coltello si è diretto verso l’uscita. “Quando l’ho visto che stava uscendo gli ho chiesto se poteva, per piacere, riportare indietro il coltello – racconta la barista – lui mi ha guardata con un modo di fare strano. E poi si è messo il coltello alla gola cominciando a farsi dei tagli. Mi sono spaventata tantissimo”. L’uomo era in preda ad un raptus ormai incontrollabile. Si è diretto, come una furia verso una vicina impalcatura. Ha afferrato una transenna e ha cominciato a colpirsi procurandosi altre lesioni. Quindi è partito a dare testate contro l’impalcatura sulla quale c’erano degli operai, senza però farli cadere. I passanti impauriti si sono allarmati. Qualcuno ha chiamato il 112. La stessa barista ha composto il numero unico delle emergenze. Quell’uomo andava fermato perché il rischio che facesse del male a sé stesso o agli altri era elevato. È stato inviato sul posto un equipaggio della Croce Azzurra di Buscate insieme all’automedica con il codice rosso della massima emergenza. Si sono attivati anche gli agenti della polizia locale che si trovavano vicini a piazza San Carlo. Insieme ai carabinieri di Busto Garolfo. Fortunatamente le forze dell’ordine sono riuscite a fermarlo. Sono serviti quattro uomini per boccale la furia di quel giovane in preda al delirio più totale. È stato fermato, carico in ambulanza e trasferito, in codice giallo, al pronto soccorso dell’ospedale di Legnano. Le ferite che si è procurato, per fortuna, non erano gravissime. Una fortuna che nessun passante abbia riportato lesioni. La paura è stata tanta. Fatti di cronaca recenti, con conseguenze mortali, sono rimasti ben scolpiti nella memoria della gente. (Foto Roby Garavaglia)

Articolo precedenteA settembre due interessanti conferenze ‘talebane’ a Milano
Articolo successivoParabiago, Il Sindaco emette ordinanza per la “messa in sicurezza del percorso fruitivo Alzaia Canale Villoresi”