Appello dei Sindaci di Parabiago e Cerro Maggiore: “Non chiudete le filiali di Villastanza e Cantalupo di Banca Intesa San Paolo”

    98

    PARABIAGO/CERRO MAGGIORE – A fronte delle annunciate chiusure delle due filiali Banca Intesa San Paolo di Villastanza e Cantalupo, i Sindaci dei corrispettivi comuni di Parabiago e Cerro Maggiore, Raffaele Cucchi e Nuccia Berra, scrivono ai Direttori e all’Amministratore Delegato per esprimere le proprie preoccupazioni in merito.

    Il sindaco Cucchi

    “Le due filiali forniscono servizi fondamentali ai cittadini –si legge nella nota a firma dei due Sindaci Essendo gli unici sportelli presenti a servizio delle frazioni di Villastanza, Villapia e Cantalupo, svolgono una funzione sociale di supporto a molti cittadini anziani e non automuniti che abitano in queste frazioni e che hanno necessariamente bisogno di un rapporto personale con la Banca. Inoltre, le distanze dal centro sono considerevoli e ostative alla fruizione dei servizi bancari.”.

     La nota prosegue chiedendo attenzione per le persone e tempo fino a fine anno: “Un’istituto di credito come Banca Intesa San paolo dovrebbe avere al centro della propria mission la persona, le esigenze dei piccoli e grandi risparmiatori e basare la sua credibilità finanziaria anche sulla fiducia che il risparmiatore ripone nella propria filiale. La nostra preoccupazione è condivisa da gruppi di cittadini che, riuniti in comitati, chiedono di essere ascoltati e tutelati da Intesa San Paolo. Si stanno organizzando forme di sensibilizzazione di tutti gli abitanti delle frazioni coinvolte attraverso forme di partecipazione popolare, come raccolte firme e assemblee pubbliche in cui si auspica la presenza di dirigenti Banca Intesa San Paolo al fine di rimandare ogni decisione quantomeno a fine anno per non mettere in difficoltà i cittadini nel periodo estivo, oltre a valutare insieme alternative che scongiurino la chiusura definitiva delle filiali.”.

    Articolo precedenteAbbiategrasso: approvato ieri sera il rendiconto al bilancio 2018
    Articolo successivoVittuone: “Arte & Cultura” domani oltre 300 bambini al Cinema Teatro Treartes