Anibas ‘ricolora’ la periferia romana, di Fabrizio Fratus

    124

     

    Lei è Sabina Andreuzzi, e si firma Anibas: uno pseudonimo semplice, il nome al contrario, ma dal suono vagamente egizio. E’ una pittrice romana che ha reinterpretato i paesaggi poco conosciuti della Città Eterna e dei suoi dintorni, ovvero quelli delle sterminate periferie e dei piccoli paesi in provincia diRoma, in una chiave originale fra il fumetto ed il naif. L’obiettivo è quello di descrivere il senso diisolamento che si respira nei quartieri meno turistici della Capitale, nelle zone lontane dal centro: l’immobilismo, la lontananza non solo fisica, ma anche metafisica dai quartieri più esclusivi, questi ultimi vivi e ricchi di opportunità, sociali ed economiche, intellettuali e lavorative, ma percepiti come chiusi e lontani.

    Una desolazione che contrasta con i colori vivaci, col cielo sempre terso ed azzurrissimo, con una bellezza comunque vibrante, che né l’abbandono, né l’incuria, né il degrado di una cementificazione selvaggia ed incontrollata riescono a spegnere, lasciando sempre sospeso un aleggiare di disperata speranza. Una pittrice poco nota e poco inserita nei circuiti artistici della Capitale, nonostante alcune interessanti esposizioni anche all’estero, che comunque merita una certa attenzione.

    Fabrizio Fratus (da Il Giornale Off)

    Fabrizio Fratus
    Articolo precedenteIl mio mondo (eco) bio: Sana 2018, il racconto- di Cristina Garavaglia
    Articolo successivoNosate: Oronzo Russo presenta HORUS, installazione artistica di 18 rotoballe tra Piazza Borromeo e Santa Maria In Binda