Anche Rescaldina si prepara al suo Palio

    158

    RESCALDINA –  Quando si fa il suo nome, in questa zona, si pensa subito a quello di Legnano. Anche Rescaldina, però, ha il suo Palio di cui menar vanto e da proporre nel novero delle sue tradizioni. Tutto trae origine dalla leggenda dello scudiero Lupo da Limonta che fugge dalla rocchetta di Rescaldina. Un fatto che è poi talmente rimasto impresso nell’immaginario rescaldinese da fare di un lupo in fuga dalla torre di un castello il simbolo della città. La vicenda è stata descritta da Tommaso Grossi nel romanzo “Marco Visconti”. E ora, a scriverla di nuovo, saranno le quattro contrade in gara ovvero La Croce, Rescalda, La Torre e Ravello. Anche se alla sfilata dei figuranti in programma per il prossimo 9 settembre manca un mese esatto, il sindaco Michele Cattaneo chiama già a raccolta la comunità auspicando una partecipazione numerosa a un evento che intreccia storia, tradizione e socialità e che fa risaltare la ricchezza del tessuto rescaldinese nelle sue molteplici articolazioni. La sfilata partirà appunto il 9 settembre con costumi medievali dalla scuola materna Ferrario per arrivare all’oratorio di Rescalda dove sarà seguita dalla cena delle contrade. Giochi e tornei, invece, si disputeranno il 29 e 30  settembre.

    Articolo precedenteBià: avviso pubblico per l’erogazione di contributi alle associazioni culturali – anno 2018
    Articolo successivoMigranti in arrivo a Rescaldina: è scontro sui numeri