Alzare la musica per abbassare la guerra. Insieme per la Pace al Gran Concerto al Teatro Lirico

140

“Perché la musica unisce i popoli”, sostengono con decisione gli organizzatori.

MAGENTA – Al Teatro Lirico, sabato 26 marzo alle ore 20.45, il Gran Concerto per la Pace: suoneranno note speciali, quelle delle musiche e delle voci di artisti internazionali che insieme al Coro Civico Città di Magenta faranno sentire il loro desiderio di pace. Musica contro bombe, un proposito ammirevole e condivisibile.

Per la serata è stato pensato un ricco programma che va da Puccini a Verdi, da Bizet a Schubert, da Mozart a Tchaikovsky, L’evento ha il patrocinio del Comune di Magenta ed è organizzato dall’associazione Cuori Grandi onlus su idea dei coniugi Lisca, Graziella e Giuseppe. Ed è stato proprio il tenore Giuseppe Lisca a contattare artisti ucraini e russi e accanto a loro, anche artisti italiani. “Nessuna bandiera sarà presente in teatro – ha dichiarato Lisca -, ma le nazionalità diverse che saranno sul palco faranno sentire un’unica voce, quella della Pace, perché la musica unisce i popoli”.

La filosofia del concerto è proprio l’idea che il linguaggio universale della musica possa contribuire a “realizzare momenti di condivisione, a far riflettere e a sostenere quel ponte di grande solidarietà che si è messo in moto nelle ultime settimane”, ha aggiunto Francesco Bigogno, presidente di Cuori Grandi.

Le offerte raccolte saranno devolute alla San Vincenzo di Magenta. Ingresso libero fino ad esaurimento posti, nel rispetto delle norme vigenti.

Articolo precedente+Lo dice anche Beppe Sala: ‘Giusto allentare le misure anti Covid’
Articolo successivoMagenta: rapina in farmacia, si cerca il responsabile