Alto Milanese: siglato accordo per il welfare territoriale tra Confindustria e sindacati

    49

    LEGNANO – Diffondere la cultura del welfare, integrare il welfare pubblico con quello contrattuale, promuovere
    i servizi a beneficio dei lavoratori. Questi gli obiettivi contenuti nel Documento firmato oggi tra Confindustria Alto Milanese e i Sindacati CGIL CISL UIL. Il ricorso al welfare aziendale è un trend in costante crescita. Ben vengano dunque tutte quelle misure come la previdenza complementare, strumenti a tutela della salute, oppure incentivi agli studi, proposte per il tempo libero.

    (da sinistra Jorge Torre della Cgil, Giuseppe Scarpa Confindustria Alto Milanese, Stefano Dell’Acqua Uil e Giuseppe Oliva della Cisl)

     

    Un percorso di welfare – commenta Giuseppe Scarpa, Presidente Confindustria Alto Milanese – mette al centro i collaboratori, migliorandone le condizioni di vita e investendo sul loro benessere attraverso benefit e servizi, con ricadute positive anche sulla produttività aziendale. La particolarità di questo Accordo
    è di portare benefici anche al nostro territorio, in quanto l’indotto generato dall’offerta di diverse tipologie
    di servizi può avere buone ricadute sull’economia locale, creando così un circolo virtuoso”. “L’intesa sottoscritta oggi – continua Scarpa – è frutto di un’importante attività di confronto con le organizzazioni sindacali. E’ nostro compito avviare un piano d’informazione e di conoscenza dei vantaggi e delle opportunità che iniziative di welfare possono generare. A cominciare dai Comuni aderenti alla Consulta per l’Economia e il Lavoro dell’Alto Milanese. A loro chiederemo di promuovere l’estensione dei contenuti e soprattutto di dare una mano nel conoscere quanto già offre la zona partendo dai servizi offerti dalle Aziende sociali partecipate.”


    “Dopo anni di crisi, in un momento di timida ripresa – dichiarano Jorge Torre della CGIL, Giuseppe Oliva della CISL e Stefano dell’Acqua della UILsottoscrivere un accordo che supera il concetto di welfare contrattuale inteso solo come buoni spesa o buoni carburante, è un atto importante, perché coinvolge i lavoratori nell’analisi dei bisogni e prova a determinare un allargamento del welfare a livello locale”.
    “Collegare il welfare contrattuale con quello pubblico del territorio – concludono le Organizzazioni Sindacali – rappresenta una sfida importante per difendere il livello delle coperture sociali e per consentire una migliore universalità delle tutele”. Un’apposita Commissione paritetica monitorerà l’andamento dell’accordo, raccogliendo le esigenze di lavoratori e aziende ed elaborerà i dati relativi all’utilizzo di questo strumento.

    Articolo precedentePaola Grossi dalla Lomellina alla corte di Enrico Papi su TV8
    Articolo successivoMagenta, la zona Sud dà il benvenuto alla nuova farmacia: sabato 17 inaugurazione