Alla scoperta della Magenta del Seicento con Mazzoleni: la carica dei trecento

    80

    MAGENTA- Oltre trecento “turisti nel nostro territorio” giovedì scorso, hanno raccolto l’invito del centro didattico di Valentina Milanta in via Volta, 31 a Magenta, che da alcuni anni, due volte al mese, propone rilassanti passeggiate serali a contatto con la storia, l’arte, la natura e la cultura del territorio. Ieri sera siamo stati ospiti delle madri Canossiane, che ci hanno accolto nella loro casa e nella chiesa di San Biagio, dove gli studenti dell’ Enac CFP Canossa (coordinati dalla loro preside, prof.ssa Laura Pizzotti) hanno illustrato ai visitatori le peculiarità dei quadri del Seicento ivi custoditi, donati dall’abate Faustino Mazenta. Il percorso é poi proseguito toccando alcuni luoghi-simbolo dell’operato di un altro sacerdote che tra fine Ottocento e inizio Novecento tanto ha fatto per Magenta: don Cesare Tragella. Il prossimo appuntamento é fissato per giovedì 20 aprile alle ore 20.45 presso la chiesa di Pontenuovo di Magenta, per un’ altra indimenticabile passeggiata nel nostro territorio.

    Articolo precedenteProgetto Saffa: “Magenta Domani” risponde al centrodestra “confuso”…
    Articolo successivoLa Civica di Silvia Minardi pedala per cambiare Magenta