Alla Baggina. La debacle del centrodestra milanese nell’analisi di Emanuele Torreggiani

379
MILANO –  L’aria fritta non paga, al solito puzza. Già nei mesi scorsi mi capitò di scriverne, subito deriso dai friggitori d’atmosfera, che si tirava sulla lunga per Milano. Ed ancora che l’ipotesi di Gabriele Albertini, un signor sindaco ed un signore, che, vale il ricordarlo, ebbe il suo tribolo a ricandidarsi per il secondo mandato, evidentemente aveva scontentato fauci, ma sostenuto a penna dritta da Indro Montanelli dalla Prima del Corriere, che ancora Lui fosse il candidato era segno, sigillo, della debolezza del centrodestra che fa il paio con la cronica marca visita del Cavaliere.
Un cdx ingessato dentro le componenti tribù che in pubblico si sbaciucchiano poi a spalle girate si disprezzano. Scemata l’ipotesi albertiniana i generali dell’armata morta tirarono fuori un Carneade. Sicuramente un bravo Cristo, lo si dica per chiunque, ma appunto un chiunque, e a Milano non va di moda. E aria fritta da programma in sottofondo, frasi fatte, luoghi comuni, becerume di contorno. Il milanese del cdx, piuttosto che votare quella roba lì, non vota. Non è un coatto.
E se poi decide di andare a votare, mugugna quel tiremm innanz, e vota con parsimonia. Il quarantasette per cento e rotti. Così il Giuseppe Sala stravince e meritatamente. Egli non è uno della sinistra come s’intesta la sinistra, è un manager nel vero senso dell’espressione, l’Expo è lì dell’altro ieri, e sa fare i conti.
E quando i friggitori del cs, ce ne sono di là come di qua, gli chiesero di apparentarsi con i pentastellati li ha mandati a scopare la darsena, cinque, infatti 5stelle non pervenuti. Segno che sul suo portale c’è scritto il vecchio motto “Piacere a tutti è impossibile”, che è stella polare nella vita quindi in politica. Ed ha bissato il Carneade del cdx. E sono soddisfazioni essere presi a schiaffi dai propri elettori, i signorotti del cdx hanno perso il contatto con la realtà. Ma di brutto. E si sono illusi che il loro elettorato fosse formato da pecore. Mentre, al contrario, l’elettorato del cdx è soprattutto d’opinione. E l’opinione è frutto di un ragionamento non di un gregge. Una sberla meravigliosa. Quella della realtà. Nascondetevi, scappati di casa. E coraggio, su, prenotatevi un posto alla Baggina, vi accompagna sull’uscio Mario Draghi. E vi lascia lì. Le elezioni le ha vinte lui.
Emanuele Torreggiani 
Articolo precedenteCorbetta: Marco Ballarini umilia il centrodestra di plastica. Che adesso dovrebbe correre a nascondersi con i suoi referenti territoriali e nazionali…
Articolo successivoCorbetta, il triplete di Ballarini perchè gli elettori non abboccano ai ministri e parlamentari in tour…