Alice Tv alla Bullona di Magenta (e nelle aziende del Parco Ticino)

    60

     

     

    MAGENTA – Le telecamere di Alice Tv,  canale televisivo ‘in chiaro’ molto seguito e dedicato al mondo del cibo e del vino, sono in questi giorni tra Magenta, Abbiategrasso e l’Est Ticino: il motivo conduttore è l’effettuazione di un ciclo di 6 puntate dedicato all’agricoltura e alla cucina nel Parco Ticino, che andranno in onda a partire da lunedì 9 aprile (per tutta la settimana successiva a Pasqua).

    Accompagnati dal personale del Consorzio, e specificatamente da Patrizia Ansalone e Francesco Magna, ieri lo staff di Alice è andato in Cascina Bullona da Stefano Viganò, dov’è stata preparata una invitante cassouela. 

    Il patron della  Bullona ha così potuto illustrare la storia di uno dei piatti maggiormente rappresentativi della tradizione milanese e lombarda.

    Ma le telecamere di Alice sono state anche in altre aziende: oltre alla Bullona sono state riprese le aziende  Galizia (Cuggiono) , Caremma (Besate), Cirenaica (Robecchetto), San Donato e Il Cascinello (Abbiategrasso), Fattoria del Pesce (Cassolnovo), San Massimo, Note di Cioccolato e gli spazi del Centro Parco La Dogana di Tornavento.

    Al centro delle riprese, ovviamente, anche i tanti prodotti agroalimentari a  Marchio “Parco Ticino – produzione controllata”: il marchio, da anni, viene concesso alle aziende agricole operanti nel Parco che adottano buone tecniche di gestione sotto il profilo agronomico ed ambientale. Il metodo di valutazione della sostenibilità agricola si basa su parametri connessi alla diversificazione di colture ed allevamenti, all’utilizzo di concimi e diserbanti, alla gestione di boschi, siepi, filari, prati ed altri elementi di pregio agroambientale. Il marchio, inoltre, viene concesso anche a trasformatori ed altri esercizi alimentari che lavorano le materie prime provenienti dalle aziende a marchio. Aderiscono oggi al Marchio circa 50 aziende produttrici di salumi, carne, latte, formaggio, yogurt, miele, riso, cereali, ortaggi e frutta. Buona parte di queste aziende trasformano e commercializzano direttamente in azienda.

    Una bella occasione di visibilità, insomma, per tutto l’Est Ticino e un settore importante della nostra economia.

    Articolo precedenteMagenta e le fragilità giovanili: un incontro questa sera
    Articolo successivoMagenta, incontro post elezioni del Pd in Casa Giacobbe