Alfredo Bellantonio non parla ancora ma…

    47

    Lo abbiamo incontrato casualmente, ieri mattina, in quel di Abbiategrasso. Ancora visibilmente provato per la vicenda politica. Amareggiato e crediamo, anche profondamente deluso sul piano umano da alcuni suoi ‘colleghi’. Ci ha promesso un’intervista, perciò attendiamo pazientemente, senza render pubbliche le poche battute che ci siamo scambiati.

    Detto questo, è fuor di dubbio che spesso gli sguardi valgano più di mille parole. E Alfredo Bellantonio, assessore dimissionario della Giunta di Chiara Calati, è fin troppo evidente che in questo momento si senta scaricato ma tutto sommato anche sollevato. Già,  perché ormai erano settimane che ogni problema in quel di Magenta, pareva avesse sempre solo un nome e cognome: Alfredo Bellantonio.

    Indubbiamente, anche la nostra testata non è mai stata tenera con il suo operato politico.  Ma è altrettanto evidente come Bellantonio non può essere il solo o, comunque, l’unico problema della squadra di governo cittadino. E’ di tutta evidenza, allora, che essendosi tolto di mezzo e con quella frase rilasciata a denti stretti ad altri colleghi – “Adesso avanti chi è più bravo…” –  ha lanciato un chiaro messaggio: “Se il problema sono io adesso vediamo un po’ se e come cambieranno le cose…”. Vedremo, non solo noi. Sono i Magentini a seguire con curiosità la vicenda. A partire dalla scelta del sostituto di Bellantonio, che non appare così semplice. Anzi. Sino all’atteso ‘cambio di passo’.  Diciamo che le prossime settimane ci potranno dire molto in tal senso e potrebbero offrirci anche indicazioni interessanti su come proseguirà il mandato della Giunta Calati.

    F.V.

    Articolo precedenteBuon senso preso a calci: al “Meazza” umiliata una tifosa ottantenne dell’Hellas Verona
    Articolo successivoLa meravigliosa storia del Dottor Sorriso, che lotta ogni giorno contro la morte