Albairate, Tarantola ci risponde sulla strada: “Non ho mai cambiato idea”

Condividi questo ArticoloShare on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Email this to someonePrint this page

 

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO – Con la presente comunico al giornalista Fabrizio Valenti del sito web Ticino Notizie di stare bene in salute e di non soffrire di sdoppiamenti di personalità, come il professionista ha invece scritto on line nel suo personalissimo commento riguardante le mie posizioni sul Progetto ANAS della superstrada. La mia posizione su questo progetto, sia nelle vesti in passato di sindaco di Albairate, sia oggi come consigliere di minoranza ad Abbiategrasso per la lista civica Ricominciamo Insieme, è sempre stata la stessa, come riportato in atti pubblici e dagli organi di stampa. Mi sono sempre espresso, anche in sinergia con altre amministrazioni e associazioni, contro questo progetto stradale perché calato dall’alto a scapito delle comunità del Sud Ovest Milanese. Nei tavoli istituzionali ho sempre coinvolto anche i sindaci di Cisliano (prima Luigi Durè, poi Emilio Simonini) e Cusago (prima Luigi Cairati, dopo Daniela Pallazzoli), seppur non direttamente convocati, proprio per proporre anche la riqualificazione del sedime stradale fino all’attuale Milano Baggio, prevedendo ad esempio rotonde a raso. La superstrada del Progetto Anas è un’opera inutile, costosa e soprattutto che non risponde alle reali esigenze di viabilità del nostro territorio. Ho sempre proposto in alternativa la riqualificazione delle strade esistenti, per esempio sul modello positivo del tratto a doppia corsia realizzato tra Cusago e Milano Baggio, nonché il potenziamento del trasporto pubblico su ferro. Questa, a mio avviso, sarebbe una soluzione sostenibile da un punto di vista economico e ambientale e consentirebbe di agevolare l’accesso dal territorio verso Milano a vantaggio di migliaia di pendolari, lavoratori e studenti. Posso comprendere l’euforia incontrollata per l’esito dell’incontro dello scorso 27 luglio a Roma, presso il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, che sembrerebbe prospettare una possibile realizzazione dell’opera stradale senza se e senza ma. Tutto questo, però, non giustifica la pubblicazione di commenti in cui si denigra e deride, seppur in una piazza virtuale ma pur sempre pubblica e accessibile a tutti, chi esprime posizioni diverse arrivando perfino a scrivere che soffro di “sdoppiamento della personalità”.

Resto a disposizione per eventuali approfondimenti, ma credo di essere stato chiaro e coerente come sempre.

 

Saluti

Luigi Alberto Tarantola

*Lungi da noi la volontà di denigrare o irridere l’ex sindaco di Albairate. Semplicemente intendevamo fare una serie di precisazioni che alla luce delle nuove dichiarazioni di Tarantola, ci paiono ancor più doverose. Se è vero che oggi come ieri è sempre stato contrario al progetto Anas considerato troppo impattante.  Quindi, affermare che anche grazie al suo contributo sia decaduto il progetto iniziale di questa infrastruttura, e quindi il collegamento con Milano, è un dato di fatto.

Cordialmente

Fabrizio Valenti

Redazione
di Redazione Ticino Notizie

Potrebbe interessarti