Albairate e le “puzze moleste” all’impianto di compostaggio. Il Sindaco: ‘Stiamo lavorando per voi’. (Sarà la volta buona?)

    106

    ALBAIRATE – Avviati degli interventi per porre fine ai fenomeni odorigeni legati all’attività dell’impianto di compostaggio di Albairate. L’Amministrazione comunale, guidata dal sindaco Flavio Crivellin, in seguito ai ripetuti fenomeni odorigeni che si sono avvertiti negli ultimi giorni, si è prontamente attivata contattando i responsabili della Ecoprogetto Milano S.r.l., la società che gestisce l’impianto di compostaggio di strada Marcatutto, al fine di verificare la situazione e chiedere una rapida soluzione del problema che sta arrecando disagi alla popolazione locale.

    Il sindaco Crivellin lo scorso 15 luglio ha anche effettuato un sopralluogo nell’azienda ed ha concordato con i responsabili un immediato rinforzo del biofiltro dell’impianto, che allo stato attuale è stato individuato come possibile fonte del problema. È stato garantito che, entro il weekend, ci sarà un miglioramento della situazione con la fine dei fastidiosi fenomeni odorigeni.

    La società ha anche assicurato che entro l’anno provvederà a un rifacimento completo del biofiltro e che sono stati già avviati degli interventi sui mezzi di trasporto, che non sempre rispettano le indicazioni di copertura e contenimento liquami.

    Inoltre, sempre su sollecitazione dell’Amministrazione comunale, la società ha comunicato di aver potenziato i lavaggi dei piazzali dell’impianto con appositi prodotti odorizzanti, effettuato il controllo biofiltro con un’azienda specializzata del settore, verificato e migliorato alcuni aspetti gestionali e comportamentali.

    Nei prossimi giorni sarà possibile verificare se le misure adottate, su richiesta dell’amministrazione comunale, elimineranno in via definitiva il problema dei periodici fenomeni odorigeni che, come più volte rilevato dalle autorità sanitarie competenti, non sono nocive per la salute ma si tratta sempre di odori sgradevoli che compromettono la qualità della vita dei cittadini.

    Articolo precedenteDalla Spagna, alla Scozia, al Belgio. Cresce la voglia di indipendenza
    Articolo successivoServizi al tempo del coronavirus, il modello Bareggio fa scuola