Al Parco Pertini di Magenta come in una moschea (VIDEO)

    177

    MAGENTA –  Questa mattina il nostro inviato Graziano Masperi si è recato al Parco Pertini, in zona sud, nei pressi della Casa Vincenziana. Qui come mostrano in due video pubblicati (uno in lingua araba e l’altro con la traduzione in italiano) un gruppo di mussulmani si è riunito in preghiera. Fin qui nulla di strano. Il venerdì, come è noto, è il giorno dedicato alla preghiera per il mondo islamico e la libertà di culto, è un diritto sancito dalla nostra Carta Costituzionale. I fedeli arrivano con i tappeti verso le 13 quando comincia la preghiera del venerdì. Poi c’è il sermone in lingua araba e la traduzione in italiano. “Un importante valore dell’islam è la sincerità – dice l’uomo che conduce la preghiera – Voi che credete siete con i sinceri”. Vengono recitati i versetti del Corano, mentre i fedeli hanno lo sguardo rivolto verso la Mecca. C’è qualche ragazzo che esce dalla vicina Vincenziana per andare a pregare. Ci sono numerose persone che, di fede musulmana, arrivano da altre zone. Fatta questa premessa e descritta la situazione, sarebbe opportuno capire chi è il predicatore o Imam che dirsi voglia in questione. A questo proposito, più volte, alcuni partiti politici ma finora senza successo, hanno proposto una sorta di albo dove registrare gli Imam abilitati alla predica.  Quindi, si tratta di capire se vi siano accordi o richieste all’Amministrazione Calati per l’utilizzo di questo spazio pubblico – la cui funzione principale è quella di ritrovo soprattutto per i bambini e le famiglie –  così come se tra i fedeli riuniti in preghiera vi siano anche ospiti del vicino centro d’accoglienza straordinaria di via Casati.  In altre parole, nulla contro il credo professato dai fedeli di Maometto, ma resta il fatto che un po’ più di chiarezza e trasparenza attorno a queste assemblee non guasterebbe…. Attendiamo un riscontro anche dal Comune.

    F.V. – G.M.

     

     

    Articolo precedenteDal 18 al 22 luglio 2018: Milano ospita la tappa italiana del Festival internazionale
    Articolo successivoAbbiategrasso: Ricominciamo Insieme condanna estremismi e strumentalizzazioni (Ha ragione)