― pubblicità ―

Dall'archivio:

Al CineTeatroAgorà di Robecco le confessioni di una donna arbitro

+ Segui Ticino Notizie

Ricevi le notizie prima di tutti e rimani aggiornato su quello che offre il territorio in cui vivi.

Attenzione: questo articolo fa parte dell'archivio di Ticino Notizie.

Potrebbe contenere informazioni obsolete o visioni da contestualizzare rispetto alla data di pubblicazione.

ROBECCO SUL NAVIGLIO Venerdì 11 aprile, alle 21, il palco del CineTeatroAgorà di Robecco sul Naviglio vedrà un incontro inconsueto; quello tra il linguaggio teatrale e quello calcistico con “Confessioni di una donna arbitro”. Protagonista di questo incontro sarà Federica. La sua storia vive di una passione; quella per il calcio, che sin da piccolina il padre l’ha aiutata a coltivare.

Per Federica questo sport è un legame con la sua infanzia; con le domeniche passate allo stadio con il padre, con l’impegno e la fatica degli allenamenti, con i momenti di gioia quando il pallone insaccava nella rete.

Così ne parla Vincenza Pastore, attrice e co-autrice dello spettacolo “Sin da bambina Federica è affascinata dalla figura dell’arbitro. La ritroviamo giovane, alle prese con i test del corso arbitrale: è un cammino irto di ostacoli, tra stadi, tifosi, voci malevole, partite e allenamenti. Sembra una storia di calcio, in realtà qualcos’altro l’ha dribblata: l’amore tra un padre e una figlia, una tragedia quotidiana, l’eterno diverbio tra maschile e femminile, la passione per il calcio, sì, ma per un calcio “giusto”, fuori dal tempo, responsabilmente civile. È l’imprevedibile storia, in controluce, di un paese.

Nel monologo dal titolo “Confessioni di una donna arbitro” Vincenza Pastore e Alberto Cavalleri portano con forza e con grande carica emotiva, sul palco del CineTeatroAgorà, la storia di una passione, non del tutto compresa.

Le strade di Alberto e Vincenza si incrociano nel 2014 sulla strada della sensibilità sociale che usa il teatro come veicolo artistico. Entrambi interessati ai temi della contemporaneità, lavorano a laboratori e a progetti su: terza età, rifugiati politici, identità culturale rom nell’area milanese, situazioni di marginalità e fragilità come l’immigrazione sull’asse di via Padova a Milano.

Al termine dello spettacolo, come di consuetudine per la programmazione dal vivo del CineTeatroAgorà, parleremo di sport e discriminazione insieme alla compagnia e ad Andrea Noè, presidente di BrontoloBike (nella foto sopra).

È disponibile la prevendita presso la biglietteria del CineTeatroAgorà.

Biglietti: Intero 10,00 euro, Ridotto (under30 e convenzionati)  8,50 euro e Under 14  5,00 euro. Per maggiori informazioni, visitare  www.cineteatroagora.it/ggosgb/abbonamenti.html.

compagnia CAMPOVERDEOTTOLINI
compagnia@campoverdeottolini.org
www.campoverdeottolini.org

Questo articolo fa parte dell'archivio di Ticino Notizie e potrebbe risultare obsoleto.

■ Prima Pagina di Oggi