Agricoltura. La Regione in campo contro la siccità: 3 milioni e mezzo di euro per i nuovi impianti di irrigazione

    74

    MILANO  “La razionalizzazione dell’acqua e’ il tema del futuro per l’agricoltura lombarda. La Regione Lombardia
    vuole affrontarlo in maniera concreta, affiancando le imprese agricole nei processi di innovazione. Nel prossimo Piano di sviluppo rurale gli interventi sulle risorse idriche saranno massicci”. Lo comunica Fabio Rolfi, assessore all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi della Regione Lombardia.

    NECESSARIO RIDURRE USO ACQUA – La Regione ha infatti pubblicato un bando da 3,5 milioni di euro per investimenti finalizzati alla ristrutturazione o riconversione dei sistemi di irrigazione. “Abbiamo l’obiettivo – ha aggiunto l’assessore – di ridurre il fabbisogno e l’utilizzo di acqua per l’irrigazione. Questo e’ possibile grazie agli impianti di ultima generazione, con interventi che incidono sul sistema di accumulo, di distribuzione e di irrigazione. Intendiamo mitigare gli effetti derivanti dai cambiamenti climatici”.

    LE AZIONI PREVISTE – Saranno finanziati interventi di riconversione del metodo irriguo dallo scorrimento superficiale alla subirrigazione e microirrigazione, pivot, rainger, rotoloni con irrigatori a lunga gittata. Sara’ inoltre finanziata l’installazione di dispositivi per la programmazione, la gestione, la misurazione, il controllo e l’automatizzazione degli interventi irrigui. “I metodi tradizionali, come lo scorrimento, sono utili anche in chiave ecologica per ricaricare la falda e favorire lo sviluppo della biodiversita’ – ha precisato Rolfi -: in una pianura irrigua come la nostra dunque non saranno mai soppiantati. E’ fondamentale comunque integrarli con tecnologie moderne per offrire un efficientamento migliore”.

    SCADENZA – Le domande potranno essere presentate dal 12 luglio al 14 ottobre 2019.

    MONITORAGGIO PERMANENTE – “Per combattere il problema della siccita’ la Regione ha istituito il tavolo permanente di monitoraggio delle risorse idriche per l’agricoltura, stiamo sostenendo la riconversione delle ex cave in bacini di accumulo dell’acqua piovana e ora distribuiamo risorse per razionalizzare i sistemi di irrigazione – ha concluso il responsabile regionale dell’Agricoltura -. Siamo in costante contatto con consorzi e associazioni di categoria per programmare altri interventi”.

    Articolo precedenteTrecate: “Anch’io sono la Protezione Civile”. Buona la sesta edizione
    Articolo successivoDalla Regione 71 mila euro per Cornaredo, Nerviano e Castano Primo