Affido familiare “Se un bambino è in difficoltà c’è un abbraccio anche per lui”

    100

    Incontro pubblico presso l’Associazione Il Melograno sabato mattina alle 10

    ABBIATEGRASSO –   Promosso dal Servizio Affidi Familiari dell’Ambito dell’Abbiatense e organizzato insieme all’Associazione Il Melograno, Centro Informazione Maternità e Nascita, che mette a disposizione la propria sede in via Einstein n. 21l’incontro pubblico proposto sabato 13 maggio alle 10è un momento di spiegazione e confronto sul tema dell’affido familiare.

    Interverranno l’assistente sociale Marina Massimini e la psicologa Roberta Bonomi illustrando di che cosa si tratta e alcune famiglie affidatarie che porteranno la loro esperienza.

    Un’occasione per approfondire insieme questo tema e per conoscere meglio l’esperienza dell’affido, attraverso la testimonianza di chi l’ha vissuta in prima persona ma soprattutto, come sostiene l’Assessore alle Politiche per la Famiglia, Graziella Cameroni,”Un importante momento di sensibilizzazione delle famiglie in grado di dare un aiuto educativo a bambini e ragazzi provati dalla vita, di rispondere alla loro legittima ricerca di un contesto positivo per la crescita, di quell’attenzione e di quel l’affetto a cui hanno diritto”.

    Per informazioniServizio Affidi Familiari tel. 0294692505/531.

    Il Servizio Affidi Familiari del Comune, che si trova nella sede municipale di via San Carlo, 23/c – tel. 02.94692.505affidi.pdz@comune.abbiategrasso.mi.it, è un punto di riferimento creato nell’ambito dei servizi legati al Piano Sociale di Zona dell’ Ambito dell’Abbiatense (di cui Abbiategrasso è ente capofila). Il servizio offre informazioni e supporto per le famiglie che decidono di dare la propria disponibilità a intraprendere un percorso di conoscenza e formazione rispetto alla possibilità concreta di essere protagoniste dell’affido. Un percorso che si conclude con la definizione di un progetto di affido part time o a tempo pieno che tiene conto delle caratteristiche e delle disponibilità della famiglia affidataria e delle esigenze del bambino e della sua famiglia. Una volta avviato l’affido, gli operatori del servizio sostengono la famiglia con incontri individuali e di gruppo.

    Articolo precedenteSanto Stefano Ticino: l’Avis ha festeggiato il suo decennale e ricomincia dall’Abbecedario!
    Articolo successivoLa Destra magentina usa l’ironia: “Sala mettiti scarpe comode…”