Addio a Gianni Saracchi, follemente innamorato della sua Corbetta

    109

     

    CORBETTA – Troverete pochissime foto di Gianni Saracchi (quella che mettiamo noi è della ‘firt sciura’ dei social di Corbetta, Carola Balzarotti), mentre ne troverete a migliaia della ‘sua’ Corbetta.

    La città che ha amato per quasi 92 anni, dal 1926, fino a oggi, giorno della sua morte.

    Corbetta piange una persona follemente innamorata della ‘sua Corbetta’, un amore da cui era ‘gemmato’ l’omonimo archivio comunale.

    L’archivio Gianni Saracchi, costituito nel 1996, comprende tutte le foto scattate in cinquant’anni di attività dal fotografo corbettese Gianni (Giovanni) Saracchi (n.1926) che ha saputo raccontare la città di Corbetta nei suoi momenti istituzionali e negli attimi di vita popolare (in totale circa 400.000 negativi).

    Ancora oggi attivo, il fotografo ha però deciso nel 1996 di vendere il proprio materiale al comune di Corbetta, il quale gli ha intitolato questo archivio che ha preso sede all’interno della Villa Frisiani Olivares Ferrario che dal 1980 ospita il municipio.

    Il materiale raccolto varia dalla fine degli anni ’40 sino al momento di cessione dell’archivio all’amministrazione.

    Dal 1998 è stato avviato un lavoro completo di catalogazione ed archiviazione del materiale, che è stato inoltre completamente informatizzato dal 2004 in oltre 4.000 schede. Dal 2012  la gestione dell’archivio è stata spostata presso la biblioteca comunale.

    L’archivio è in continua evoluzione in quanto il fotografo aumenta di giorno in giorno il quantitativo di materiale, eseguendo foto nelle principali manifestazioni e festività del paese.

    Del resto Saracchi c’era sempre, immancabile con la sua macchina fotografica a tracolla. C’era ai matrimoni, alle feste, ai funerali, alle ricorrenze. C’era sempre.

    C’era ai tempi irripetibili delle mostre di Luciano Prada e Giuliano Grittini.

    Lo ricorda così, con un post di Facebook, l’onorevole ed ex sindaco di Corbetta Francesco Prina:

    Se ne è andato in cielo, colui che ci ha riconsegnato le immagini storiche delle celebrazioni della vita sociale della nostra comunità di Corbetta dal dopoguerra ai nostri giorni. L’archivio fotografico a Lui intitolato, che l’amministrazione comunale nei primi anni 2000 ha istituito, catalogato ed informatizzato, è una grande ricchezza di memoria a disposizione di tutta la comunità. Grazie Gianni per la Tua passione e la Tua lungimiranza, i Corbettesi tutti Te ne saranno sempre grati. Un ultimo affettuoso abbraccio ed un arrivederci”.

    Indimenticabile, come la tua Corbetta. Per sempre. Ciao, Gianni.

    F.P.

    Articolo precedenteAlbairate: happy hour digitale in Municipio
    Articolo successivo‘Magenta in love’, i commercianti di Magenta per san Valentino