Accensione dei falò: Abbiategrasso detta le regole

    96

    Il modulo per chiedere l’autorizzazione va presentato entro il 16 gennaio

    ABBIATEGRASSO – In occasione della festa di Sant’Antonio Abate, patrono dei contadini e degli animali domestici, sono numerose anche nel territorio agricolo di Abbiategrasso le iniziative organizzate da associazioni locali culturali, religiose e da agricoltori, che prevedono l’accensione del tradizionale falò. Nella tradizione popolare infatti l’appuntamento con i falò invernali simboleggia l’attesa del mondo agricolo per il risveglio della natura e per la stagione primaverile.

    In merito a ciò Regione Lombardia, ai sensi della l.r. n.24/2006  e con D.g.r. del 22 dicembre 2011 n.9/2820, stabilisce misure per il contenimento dell’inquinamento da combustione di biomasse legnose sul territorio regionale, consentendo, previa autorizzazione comunale, falò e fuochi in occasione di feste, sagre di paese o comunque di eventi attinenti ai rituali calendariali della tradizione popolare culturale della Lombardia, precisando che l’organizzazione deve assicurare il rispetto delle norme vigenti e prevedere misure a garanzia della sicurezza dei cittadini e dell’ambiente.

    falo_albairate

    In riferimento alle direttive regionali per il miglioramento della qualità dell’aria ed il contrasto all’inquinamento locale, l’Amministrazione Comunale di Abbiategrasso ritiene importante richiamare l’attenzione di tutti coloro che intendono organizzare falò in occasione della festività di Sant’Antonio, riportando nel presente comunicato alcune necessarie indicazioni.

    L’istanza di licenza per l’accensione dei tradizionali falò di Sant’Antonio deve essere indirizzata al Sevizio Ecologia e Ambiente e presentata all’Ufficio Protocollo sede di piazza Marconi 1.

    Il modulo necessario è scaricabile dal sito www.comune.abbiategrasso.mi.it.

     Le istanze dovranno pervenire entro il 16 gennaio 2017.

    L’accensione dei falò deve avvenire nel rispetto delle normative di legge ed in particolare, ai sensi degli art. 57 e 59 del T.U.L.P.S, con la garanzia della sicurezza dei cittadini e dell’ambiente evitando ogni danno, in particolare si raccomanda di:

    • rispettare le norme di sicurezza garantendo misure di vigilanza, pronto intervento e vie di fuga;
    • evitare l’accensione contemporanea di più fuochi nello stesso luogo;
    • mantenere a prudente distanza dai fuochi gli spettatori se presenti e lasciare libere e opportunamente segnalate vie di deflusso da utilizzarsi in caso di necessità e/o emergenza;
    • il falò dovrà essere acceso lontano da siepi, alberi, fienili, abitazioni, garage, tende, gazebo, ombrelloni e ogni altra struttura o materiale potenzialmente infiammabile;
    • l’operazione di accensione del falò deve svolgersi in giornate preferibilmente umide ed in assenza di vento forte;
    • predisporre adeguate misure di sicurezza al fine di evitare la caduta di scorie incandescenti su abitazioni o complessi immobiliari e l’eccessiva vicinanza a strade e ferrovie;
    • il falò dovrà essere costituito esclusivamente da legno vergine e materiali ad esso assimilabili non contaminati da inquinanti di qualsivoglia natura;
    • non dovranno essere in alcun modo bruciati materiali rientranti nella fattispecie “rifiuti” (art. 184 Testo Unico Ambientale), ossia mobili o parti di essi, bancali, assi di legno, porte e serramenti, scarti di materiale edile;
    • non dovranno essere utilizzati per l’accensione benzina, gas, olii o altri combustibili;
    • al termine della manifestazione l’area dovrà essere ripulita e bonificata.

    Per informazioni è possibile contattare il Servizio Ecologia e Ambiente ai seguenti recapiti: 02-94692.328/319.

    Articolo precedenteLavoro e Jobs Act: a Magenta, venerdì 20, il Pd porta l’ex ministro Cesare Damiano Copy
    Articolo successivoLa deriva gender e la di-struzione della nostra società