AssociazioniNews

Abbiategrasso, un 2018 (ancora) straordinario per l’Hospice e i suoi angeli

Dove la vita vince sulla morte, 'perché la morte è lei che muore'

 

 

ABBIATEGRASSO –

‘La morte è la vita.

E’ la morte che muore, noi non si muore.

La morte è impensabile. La morte è lei che muore.

Esiste un’anima del corpo. 

E allora che muoia la morte, come grida il Tamerlano’

Riutilizziamo le parole di uno dei più grandi geni italiani contemporanei, Carmelo Bene, per descrivere quello che è accaduto ieri (ancora una volta, dopo 27 anni)  nello splendido giardino di villa Umberto, dove i proprietari Alberto Cola e Martina Forti hanno accolto l’Hospice di Abbiategrasso per la presentazione del bilancio sociale 2018.

Accolti dal direttore Luca Moroni sono arrivati in tanti: sindaco e vicesindaco, Cesare Nai e Roberto Albetti, i dirigenti dell’ASST Gabriella Monolo e Michele Sofia e molti altri.

Ci sarebbe davvero parecchio da dire sui 27 anni di vita di una realtà straordinaria, nata nel 1992 all’interno della casa che fu dello stilista Franco Moschino; noi cominciamo a dare alcuni dei numeri diffusi ieri.

In tutti questi anni l’Hospice è divenuto una realtà sempre piùdinamica, straordinaria e in continua crescita e trasformazione. Nel 2018 sono state assistite 288 persone nella sede di via Dei Mille, 316 pazienti a domicilio, 49 nel nuovo ambulatorio.

Oggi l’Hospice conta 31 operatori a tempo indeterminato, ricava oltre 2 milioni di euro dalle prestazioni riconosciute dalle ATS di Milano e Pavia, ha costi per quasi 2 milioni e 600mila euro, ricava 178mila euro dal 5 per 1000 e 223.349 euro di donazioni nel 2018, in crescita del 68% rispetto al 2017.

Agisce ormai su tre macro ambiti territoriali, Abbiatense, Magentino e Vigevanese, è protagonista delle evoluzioni legislative e normative in tema di assistenza per tutta Regione Lombardia, e di fatto è una realtà di eccellenza a livello nazionale, potendo contare su una vastissima rete di sostenitori (come l’associazione Amici dell’Hospice) ed eventi creati a suo sostegno.

Nei prossimi giorni torneremo a parlarvi di quello che Hospice fa e intende fare.

La presentazione del bilancio sociale si è conclusa con un aperitivo a cura di Pier Strazzeri del bar Castello e della gastronomia Fasani.

F.P.

 

(Le foto sono tratte dalla pagina Facebook dell’Hospice)

 

 

Tag
Vedi Altro

Redazione

Redazione Ticino Notizie

Potrebbe Interessarti

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi