Abbiategrasso, stasera l’edizione 52 della bellissima Rassegna di Canti Popolari (in Annunciata)

183

 

ABBIATEGRASSO  La musica popolare è la musica del popolo, ma un popolo è formato da più classi sociali e quindi da più storie e punti di vista.

La prima distinzione facile è tra la musica colta, la musica commerciale e quella popolare. Le prime due hanno un compositore, un autore, la seconda invece non né ha, appartiene al sapere di tutti da tempo immemore. Per questo nella maggior parte dei casi non ha un riferimento scritto, uno spartito, se lo ha è stato fatto a posteriori da etnomusicologi che hanno trascritto materiale che era perlopiù tramandato oralmente. Quest’ultimo è un dato importante, perché la rende accogliente, variabile in base alla memoria sensibile di ognuno, per non parlare dell’inclinazione alla contaminazione originata dall’incrocio di più popoli.

E siccome sappiamo quanto sia forte la Tradizione nelle terre dell’est Ticino, è sempre importante l’appuntamento che si rinnova da 52 anni ad Abbiategrasso con la Rassegna dei Canti Popolari, che si celebra questa sera- 8 ottobre- dalle 20.45 nel complesso dell’Annunciata di via Ticino. 

Ad organizzare la kermesse gli infaticabili cantori del Corotrecime di Bià, che nello scenario impagabile dell’ex convento ospiteranno l’ensemble femminile KASTALIA di Arezzo.

L’ Ensemble Vocale Femminile Kastalia di Arezzo nasce dalla volontà delle coriste di riconoscersi in un gruppo per il quale cantare insieme in armonia è la priorità assoluta, condivisa senza riserve dal direttore Eugenio Dalla Noce, fermamente convinto che in un Coro in primis, debbano essere I’ empatia e l’ascolto i motori per creare un vero ·insieme• di voci. Questo fa sì che ognuna delle coriste partecipi alle attività del Coro per il piacere di unire le propria voce con le altre voci, alla ricerca della Bellezza nel fare Musica. La scelta del nome è in riferimento alla Ninfa che, secondo la mitologia greca, diede il nome alla fonte che ancora oggi è visibile a Delfi sul Parnaso, sede dell’oracolo di Apollo. La fonte Kastalia era sacra alle Muse e le fanciulle bagnavano i propri capelli nella sua acqua cosi come canta il coro di donne ne ·Le fenicie· di Euripide. La libellula del nostro logo rappresenta la trasformazione e ci insegna ad andare e guardare avanti, sempre! Simbolo in varie culture di pace, di acqua, di terra e vento ci incoraggia nel canto, alla continua ricerca della creatività portatrice di Bellezza. Il coro ·KASTALIA. esegue Musica, a cappella e non, dal gregoriano fino alle opere di autori contemporanei, con particolare attenzione alla figura femminile, sia essa compositrice o protagonista del testo. KASTALIA ha partecipato nei primi due anni di attività a oltre 70 rassegne e concerti in Italia e a 4 concorsi corali dove ha ottenuto importanti riconoscimenti.
KASTALIA- Ensemble vocale femminile è fondato e diretto dal giugno 2017 dal Maestro Eugenio Dalla Noce.
KASTALIA Ensemble Vocale di Arezzo
diretto dal Maestro Eugenio Dalla Noce
A seguire, ovviamente, l’esibizione del Corotrecime diretto dal maestro Luca Perreca. L’evento, patrocinato dal Comune di Abbiategrasso, è a ingresso libero.

 

 

 

Articolo precedenteEni 2050 Lab, innovazione e ricerca hanno un nuovo spazio
Articolo successivoRho, una mozione di Giudici (Lega) contro lo STOP ai diesel Euro 5