+Abbiategrasso, sabato alle 18 è ancora tempo di Aperitivo solidale del Leone (tranquilli, ci sarà il sole..)

231

 

ABBIATEGRASSO –  Mancano 24 ore ma sappiamo GIA’ che sarà un grande successo la quarta edizione dell’evento benefico organizzato da “I Sognatori di Abbiategrasso”, che da tempo ormai ha fatto dell’impegno nella beneficenza il suo marchio di fabbrica. Sabato 1 ottobre (non c’è modo migliore per cominciare il nuovo mese..) al bar Tabachè di corso Italia, sindaco, assessori e consiglieri della maggioranza vestiranno per una serata i panni di camerieri e baristi, servendo cocktails e cibo.

L’obiettivo di quest’anno del gruppo capitanato dalla vulcanica e mai doma Sara Valandro e dai tanti suoi amici ed amiche è quello di sostenere il Portico della Solidarietà, che da anni sostiene- ogni giorno- sostiene persone in stato di bisogno ad Abbiategrasso. Il costo dell’aperitivo sarà di 8 euro, gli organizzatori invitano inoltre a ‘caricare’ la carta Fidaty del Portico presso Esselunga, così da consentire l’acquisto di generi alimentari. 

Un GRAZIE IN ANTICIPO (appuntamento dalle 18 in corso Italia, state sereni; ci sarà il cole..) a chi parteciperà e consentirà di raccogliere fondi grazie all’impegno dei Sognatori e dei loro amici e sponsor, la disponibilità dei politici e la solidarietà delle molte persone che vi hanno partecipato. Un evento semplice e simpatico, che da 4 anni permette di far della beneficenza assaporando un risotto e sorseggiando dello spumante, tutto questo in un clima rilassato ed amichevole.

CHI E’ E COSA FA IL PORTICO

L’associazione di volontariato Andrea Aziani è nata da un gruppo di amici che da 20 anni condivide l’esperienza caritativa di risposta al bisogno alimentare delle famiglie in difficoltà.

Il Portico della Solidarietà si rivolge a quelle famiglie che la crisi economica ha portato sulla soglia della povertà. Infatti in questo “supermercato solidale” è per loro possibile rifornirsi gratuitamente di generi di prima necessità.

Ad ogni famiglia che accede al Portico viene rilasciata una tessera punti con scadenza mensile che, in relazione alla composizione del nucleo famigliare, quantifica la possibilità di acquisire i generi alimentari disponibili; l’associazione si è impegnata a garantire un paniere minimo.

Rispetto alla tradizionale distribuzione di generi alimentari, fatta con borse o pacchi contenenti generi stabiliti da chi distribuisce, l’utente del Portico, compatibilmente con i generi disponibili, ha la possibilità di scegliere ciò di cui ritiene di avere più bisogno

 

 

 

Foto delle precedenti edizioni

Articolo precedenteCastano Primo: inciampa e sbatte la testa contro una fioriera, anziano portato in codice rosso a Legnano
Articolo successivoMagenta-Corbetta. Avete voglia di lavorare e conoscete l’inglese? Mandate subito il vostro curriculum all’Hotel Diamante c’è un posto per voi