Abbiategrasso: Ricominciamo Insieme condanna estremismi e strumentalizzazioni (Ha ragione)

    117

    ABBIATEGRASSO –  In un clima di crescente isterismo collettivo e in cui le opposizioni alzano il livello dello scontro politico rispetto al raduno di Lealtà Azione in programma il prossimo 6 e 7 luglio allo Spazio Fiera di Abbiategrasso, si distingue per senso di responsabilità (ma altrettanta fermezza) la presa di posizione assunta dalla lista civica Ricominciamo Insieme guidata dall’ex sindaco di Albairate Alberto Tarantola. 

    “La lista civica Ricominciamo Insieme condanna ogni forma di estremismo, così come ogni forma di strumentalizzazione politica volta ad alzare fuori misura la tensione tra opposte fazioni, con il rischio di provocare allarmismo e scontri violenti” – si legge nella nota diffusa in queste ore –  La decisione del sindaco di Abbiategrasso di concedere un’area pubblica, lo Spazio Fiera di via Ticino, per la Festa di Lealtà Azione, nota realtà di estrema destra, ha destato non poche perplessità e innescato immediatamente dure reazioni politiche a livello locale nonché regionale. All’evento previsto per le sere di venerdì 6 e sabato 7 luglio, tra l’altro, parteciperanno autorevoli amministratori regionali di Forza Italia e della Lega Nord.

    “La lista civica Ricominciamo Insieme ha deciso di non aderire a nessuna manifestazione contro la Festa di Lealtà Azione, perché ritiene che, se da un punto di vista normativo sono state rispettate tutte le norme in termini di permessi, non sarebbe formalmente corretto vietare pregiudizialmente la manifestazione”. “La lista ha piena fiducia nelle Forze dell’Ordine – prosegue il documento –  nella Prefettura di Milano e in generale nelle autorità preposte che sicuramente interverranno nel caso in cui si dovessero verificare situazioni o comportamenti perseguibili legalmente da parte degli organizzatori e/o dei partecipanti alla Festa di Lealtà e Azione. Ritiene, infine, molto pericoloso il clima di tensione che si sta creando ad arte in questi giorni attorno all’evento, in quanto potrebbe facilmente degenerare in gravi problemi di ordine pubblico”.

    “L’augurio è che da parte di tutti prevalga il buon senso e che il sindaco di Abbiategrasso, sicuramente nel rispetto dei dettami di legge, abbia comunque attentamente valutato tutte le possibili conseguenze di accogliere in città una simile manifestazione di forte matrice politica” chiosa la Civica di Ricominciamo Insieme.

    Ha  ragione Alberto Tarantola in queste righe. Probabilmente, la sua esperienza da sindaco, ha giovato anche in questo. Il Primo cittadino è anche il primo garante dell’Ordine Pubblico. Pertanto, troviamo che sia fortemente scorretto soffiare sul vento della polemica politica, con il solo fine di ‘militarizzare’ Abbiategrasso, come già capitato in passato per semplici serate dedicate a presentazioni di libri/conferenze storiche nella sede locale di Lealtà Azione. E  il rischio di alimentare problemi di ordine pubblico e innescare violenze.

    Alle iniziative di LA vi abbiamo partecipato diverse volte, invitati in qualità di cronisti, e abbiamo trovato davvero grottesco doverci muovere tra camionette della Celere con reparti del Terzo Battaglione Lombardia dell’Arma dei Carabinieri chiamati per tenere a bada chissà quale insurrezione popolare….che poi regolarmente non si è mai palesata.

    Non è davvero un bel messaggio che chi si riempie la bocca con la retorica antifascista sia anche il primo a calpestare la libertà di manifestare il proprio pensiero. Andando, peraltro, anche a sottovalutare il livello medio di capacità critica dei cittadini. Che hanno diritto di farsi un’idea e poi, se del caso, condannare o denunciare quanto emergerà in questi convegni e dibattiti.

    Da ultimo, c’è il tema della piena fiducia nelle Forze dell’Ordine che cita Tarantola e che noi condividiamo in toto. Chi si macchierà eventualmente di comportamenti penalmente rilevanti dentro o fuori dallo Spazio Fiera, ne risponderà davanti alla Magistratura. E fino a prova contraria, all’interno del nostro Ordinamento Giuridico, vi sono degli organismi deputati proprio per far questo e che lo fanno anche piuttosto bene.

     

    F.V.

    Articolo precedenteAl Parco Pertini di Magenta come in una moschea (VIDEO)
    Articolo successivoCrisi Pensotti Legnano, i sindacati: ‘Ormai la misura è colma’