Abbiategrasso, reddito di inclusione: chi e come può accedervi

    137

     

    ABBIATEGRASSO – Il Reddito di inclusione (ReI) è una misura di contrasto alla povertà che prevede la concessione di un sussidio economico alle famiglie in condizioni di disagio, attiva già dallo scorso dicembre. A partire dal 1° giugno, l’unico requisito richiesto per presentare domanda è quello economico,  ovvero:
    – Certificazione isee uguale o inferiore a € 6.000,00
    – Parametro ISRE uguale o inferiore a € 3.000,00
    – valore beni mobili (conto corrente):
    a) = o < 10.000,00 più di tre componenti
    b) = < 8.000,00 due componenti
    c) = o < 6.000,00 un componente
    – valore beni immobili (2° casa di proprietà o altro) = < a € 20.00,00

    Inoltre è necessario essere residenti in Italia da almeno due anni, oppure avere un permesso di soggiorno in corso di validità e di lunga permanenza.
    Infine, non bisogna possedere autoveicoli/motoveicoli immatricolati la prima volta nei 24 mesi antecedenti alla presentazione domanda.

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    Il beneficio è inoltre subordinato all’adesione ad un progetto personalizzato, da predisporsi dai servizi sociali comunali, che coinvolga tutti i componenti del nucleo famigliare e preveda specifici impegni sulla base di una valutazione globale delle problematiche e di bisogni.

    I Comuni dell’Ambito dell’Abbiatense hanno aderito al Programma Operativo Nazionale (PON) Inclusione 2014-2020, cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo, che interviene a supporto delle politiche di inclusione sociale nazionali e regionali, affinché siano garantiti livelli minimi di alcune prestazioni sociali in modo uniforme in tutte le regioni italiane. In particolare, le risorse destinate, sostengono il potenziamento dei servizi per l’accesso alla misura e la dotazione informatica dei comuni per la gestione delle domande.

    Il modulo di richiesta è scaricabile dal sito www.comune.abbiategrasso.mi.it

    Il modulo per la presentazione della domanda è disponibile anche in forma cartacea presso la sede di via San Carlo 23/C, e presso l’Ufficio Relazioni con il Pubblico di piazza Marconi.

    La domanda deve essere presentata presso l’ufficio Protocollo di piazza Marconi negli orari di apertura al pubblico, preferibilmente previa verifica dei requisiti da parte degli operatori del servizio sociale; al fine di un accertamento preliminare dei requisiti è necessario prendere appuntamento telefonando ai seguenti recapiti telefonici: 02/94692.512-531.

    Articolo precedenteLa memoria storica del Ticino: la datazione del palificato del ‘Cavaoss’
    Articolo successivo‘Mangiare è un atto agricolo’, di Wendell Berry