Abbiategrasso, quando Italo (e Brunella) Agnelli recitavano nel video degli Afterhours…

    506

     

    ABBIATEGRASSO –

    Calzino bianco va
    Commuove l’onestà
    Trovato tecnologico votato martire
    Cambia la permanente in dreadlocks
    Che ti cambia il cuore
    Giocati l’anfibietto in tinta
    Ti fa far l’amore
    Ridai i soldi al tuo papà
    Ridai i soldi al tuo papà
    Sui giovani d’oggi ci scatarro su
    Sui giovani d’oggi ci scatarro
    Sui giovani d’oggi ci scatarro su
    Sui giovani d’oggi ci scatarro
    Come pararsi il culo
    E la coscienza è un vero sballo
    Sabato in barca a vela
    Lunedì al leonkavallo
    L’alternativo è il tuo papà
    L’alternativo è il tuo papà
    Sui giovani d’oggi ci scatarro su
    Sui giovani d’oggi ci scatarro
    Sui giovani d’oggi ci scatarro su
    Sui giovani d’oggi ci scatarro
    Come pararsi il culo
    E la coscienza è un vero sballo
    Sabato in barca a vela
    Lunedì al leonkavallo
    L’alternativo è il tuo papà
    L’alternativo è il tuo papà
    Sui giovani d’oggi ci scatarro su
    Sui giovani d’oggi ci scatarro
    Sui giovani d’oggi ci scatarro su
    Sui giovani d’oggi ci scatarro
    Le condizioni economiche diametralmente opposte in cui versavano gli After sono evincibili dalla “manovalanza” a basso costo impiegata, ma io questo video l’ADORO.
    C’è mio padre vivo e sorridente;
    uno scanzonatissimo cugino con la vocazione di umorista, oggi evoluto in Doc di “ritorno al futuro” e io che ballo come uno stoccafisso, un po’ trattenuta, ma alla fine, chissenefrega, scatarro divinamente su tutti, giovani e non.
    E poi last but not least…ma che gran gnocca!!
    Dobbiamo ringraziare Brunella Agnelli per aver ricordato (a fan non proprio della primissima ora degli Afterhours, come lo scrivente..) una delle tante intraprese culturali, artistiche e creative di cui suo fratello Manuel ed il suo gruppo possono menar vanto.
    Ed allora ecco ritornare, a quasi un quarto di secolo, le immagini del video di una canzone iconica del gruppo nato nell’est Ticino negli anni Ottanta: Sui giovani d’oggi ci scatarro su. Un refrain stilistico, testuale e musicale a cui i fan di antico conio sono stati abituati sin dagli esordi. Ma questo video è prezioso per molte ragioni, e le enumera Brunella Agnelli nel post su Facebook che accompagna alle immagini.
    Negli anni Novanta la fama successiva ai tempi di X Factore era assai lontana, benché la qualità artistica e la coerenza del gruppo sia sempre rimasta la medesima.
    Ma non c’erano né major del disco (invece c’era la Mescal, etichetta leggendaria per i cultori indie), nè budget spropositati né grandi comparsate di attori o divi, e quindi sotto con la miniera di talento attingibile dagli Agnelli: il cugino Luca, l’attuale guida di Confcommercio Abbiategrasso nelle vesti di attrice e ballerina, e poi la coerente (col testo della canzone..) comparsata di Italo Agnelli. ‘Ridai i soldi al tuo papà’, canta Manuel, e il suo visionario, carismatico genitore ci mette tutta la sua (auto) ironia a posare in giacca e cravatta.
    D’altro canto appare evidente che da qualche parte il talento artistico, musicale e a tutto tondo di Manuel Agnelli arriverà pure da qualcuno della famiglia, e per chi ha conosciuto vita e opera dell’uomo che ha governato la Confcommercio abbiatense per decenni i ‘crediti’, come si suol dire, appaiono evidenti.

    I Verdena, così come gli Afterhours, i primi Baustelle e la lista potrebbe continuare all’infinito, rappresentano un modo, molto specifico, di vivere per la musica e di intenderla. La libertà espressiva e decisionale con la quale negli anni hanno portato avanti i loro progetti è stata sempre vista e considerata come un vanto. Per generazioni intere che hanno avuto la fortuna di crescere con personaggi di riferimento del genere, che fosse nella loro nicchia (oggi si chiamerebbe comfort zone), in cameretta, o in un qualunque altro modo o tramite altro mezzo, certi messaggi, una certa tendenza al disagio e all’irrequietezza, sono state delle bandiere.

    Lo abbiam trovato da qualche parte. E ci pare scritto bene. Del resto, di quel memorabile pezzo degli Afterhours, il sabato in barca a vela e lunedì al Leoncavallo ci è sempre parsa una (coraggiosa) profezia, o fotografia di un ben consolidato trend sociale..

    Fabrizio Provera

    Articolo precedenteArluno, venerdì 7 maggio secondo Mercato Contadino con Slow Food
    Articolo successivo‘+Fontana: possiamo arrivare a 160mila vaccinazioni giorno. Per gli under 60 aspettiamo le dosi